Brexit: Boris Johnson non capisce il danno che ha fatto a se stesso

SPIEGEL: Sir Evan, la Brexit è finita Nessun disastro ancora Da segnalare. Adesso è finalmente calmo?

Rogers: Pensare che sarebbe ingenuo. La storia ha la fastidiosa abitudine di andare avanti. Non si è fermata nel 1973 quando siamo entrati nella Comunità Europea, non si è fermata nel 1992 con il Trattato di Maastricht. Prima o poi, i politici britannici ricorderanno che molti dei nostri migliori amici sono nell’Unione europea. Accadrà nei prossimi vent’anni? Probabilmente no. D’altra parte: chi si sarebbe aspettato 30 anni fa che un governo conservatore un giorno ci avrebbe condotti fuori dall’Unione europea?

SPIEGEL: Gli inglesi si ritireranno completamente da Bruxelles adesso?

Rogers: esattamente il contrario. D’ora in poi, Londra dovrà compiere grandi sforzi per influenzare ciò che passa attraverso il tritacarne di Bruxelles e Strasburgo. Non sarebbe stato facile, perché dopo gli ultimi anni non c’era nessuno nell’Unione Europea che volesse mostrare grande interesse agli inglesi. Ma affinché la Brexit abbia successo, Londra ha bisogno di occhi e orecchie ovunque nell’Unione europea. Anche se vedi il tuo ex solo come un concorrente, devi comunque sapere esattamente cosa sta facendo.

READ  Tre vittime prete-pedofili aborigene stanno facendo causa a papa Francesco. E chiedono un risarcimento alla Chiesa

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *