Zlatan Ibrahimovic segna con il tacco all'altezza delle spalle contro l'Italia

Il portiere Buffon e i suoi difensori restano indietro: Ibrahimovic pareggia spettacolare per l'1-1.Immagine: AP

Indimenticabile

18 giugno 2004: per la prima volta Zlatan Ibrahimovic è titolare in un torneo importante. E il 22enne svedese attira l'attenzione su di sé con un gol miracoloso. Alla fine costa all’Italia il progresso.

18 giugno 2024, 00:0117 giugno 2024, 18:49

Ralf per noi
Ralf per noi

Seguimi

Questo è un inizio! Sfacciata come Pippi Calzelunghe, la Svezia ha fatto una grande impressione ai Campionati Europei del 2004 in Portogallo. La Bulgaria è stata spazzata via dal campo 5-0 – grazie ai gol degli attaccanti a due stelle. Henrik Larsson segna due volte, Zlatan Ibrahimovic segna una volta.

A 32 anni, Larsson è il veterano e Ibrahimovic, dieci anni più giovane di lui, è stato designato come suo successore. E nella successiva partita del girone contro l'Italia, il figlio di immigrati jugoslavi da Malmö mostra cosa sa fare.

Lo svedese Fredrik Ljunberg (al centro) festeggia con i compagni di squadra Henrik Larsson (a sinistra) e Zlatan Ibramhimovic dopo aver segnato il primo gol durante la partita di calcio Euro 2004 del Gruppo C tra Bulgari.

Il leggendario trio svedese: Henrik Larsson, Freddie Ljungberg e Zlatan Ibrahimovic (da sinistra) festeggiano il primo gol contro la Bulgaria.Immagine: AP

Gli italiani sono in vantaggio per 1-0 a soli cinque minuti dalla fine. Zlatan Ibrahimovic si è immortalato negli annali dell'Europeo. Dopo un calcio d'angolo, la palla vola avanti e indietro davanti alla porta, né gli svedesi né gli italiani riescono a controllarla. Mentre cade a terra sulla linea dell'area piccola, la palla sembra diventare la preda di Gigi Buffon.

Ma il portiere italiano fa i conti senza Ibrahimovic. Lo svedese è alle spalle della porta e ha un'intuizione geniale: “Ibracadabra” salta su e colpisce di tacco la palla in area per l'1-1. Che obiettivo straordinario!

READ  Uscita dall'Europeo per l'Italia: Addio Italia!

Il telegramma

Italia – Svezia 1:1
Porto, Stadio Dragão. 44.926 spettatori, RS: Meier (SUI).
37. Cassano 1-0. 85. Ibrahimovic 1:1.

Italia: Buffon; Panucci, Nesta, Cannavaro, Zambrotta; Gattuso (76. Favalli), Pirlo, Perrotta; Cassano (70° Fiore), Del Piero (82° Camoranesi); Vieri. Allenatore: Trapattoni.

Svezia: Isaacsson; Nilsson, Mellberg, Jakobsson, Edman (77. Allbäck); Wilhelmsson (67° Jonson), Linderoth, Svensson (55° Källström), Ljungberg; Ibrahimovic, Larsson. Allenatore: Söderberg/Lagerbäck.

L’Italia si imbatte in un pacchetto nordico

Il punto aiuta più la Svezia che l’Italia. Perché nell'ultima partita del girone gli Azzurri non hanno più in mano la progressione. Una vittoria contro la Bulgaria non serve all'Italia se la partita tra Svezia e Danimarca finisce 2-2.

Il timore di un “pacchetto” nordico è grande in Italia e – meraviglia! – accade esattamente questo 2:2. Mattias Jonson ha pareggiato per la Svezia all'89'. Gli azzurri sono stati eliminati nonostante la vittoria per 2-1 e sono furiosi. Ai loro occhi, il pareggio tra svedesi e danesi, che sarebbero passati entrambi, era già stato concordato prima della partita. “Naturalmente faremo un accordo”, annunciò finalmente in anticipo Morten Olsen. Voleva essere ironico, ma a quanto pare in Italia quando si parla di calcio da re non si scherza.

Ibrahimovic fallisce dagli undici metri

Quindi l'Italia deve tornare a casa presto e il torneo della Svezia dura solo un'altra partita dopo. Nei quarti di finale il “Blågult” ha fallito ai calci di rigore contro l'Olanda.

Anche Zlatan Ibrahimovic gioca un ruolo importante in questa partita: sbaglia il rigore. Ma anche i calciatori insoliti preferiscono segnare gol insoliti.

Indimenticabile

Nella serie “Unforgotten” ripercorriamo un evento importante nella storia dello sport in occasione dell'anniversario: che si tratti di una prestazione eccezionale, di un dramma commovente o di un aneddoto divertente, è tutto lì.

I giocatori della nazionale svizzera sul razzismo

Video: Watson

Potrebbe interessarti anche questo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto