Vuoi mangiare ricco con questo Ripley: Andrew Scott nei panni di…

Netflix riporta sugli schermi lo psicopatico più famoso di Patricia Highsmith. “Ripley” è un thriller di successo, con protagonista il mascherato Andrew Scott, meglio conosciuto da “Sherlock” e “Fleabag”.

Negli affari, persone come Sam Bankman Fried o Rene Benko ad un certo punto potrebbero cadere a faccia in giù. Tuttavia, nel settore dell’intrattenimento, i truffatori prosperano quasi sempre. Attualmente c'è il killer dell'acqua sporca Oliver Quick di “Saltburn”, che ha raggiunto lo status di culto grazie a Tiktok, o il fuggitivo e dirigente pubblicitario Don Draper di “Mad Men”, che è ancora ampiamente trasmesso in streaming. Con Ripley, Netflix ripropone l'antica saga di truffatori diretta da Steven Zaillian. Nella miniserie in otto parti, Andrew Scott (noto come Moriarty in “Sherlock” o come il bel prete in “Fleabag”) interpreta il talentuoso Mr. Ripley dell'omonimo romanzo di Patricia Highsmith (1955).

Tom Ripley, un truffatore, psicopatico, narcisista e buono a nulla di New York City, viene assunto dal ricco proprietario di un cantiere navale Herbert Greenleaf per riportare suo figlio Richard, noto come Dickie, dall'Italia. Dickie vive lì per molto tempo a spese del padre in una piccola cittadina balneare vicino Napoli come pittore senza talento con Marge, una scrittrice senza talento. Quando arriva in Italia, Tom, desideroso di non fare nulla, lascia presto la sua missione alle spalle, fa amicizia e uccide Dickie per prendere il suo posto. A questo punto inizia un gioco del gatto col topo con le autorità e gli amici espatriati di Dickie in Italia all'inizio degli anni '60.

Sulle spalle dei giganti

Ripley è basato non solo sul primo libro di Ripliade in cinque parti di Highsmith, ma anche su una serie di adattamenti cinematografici di successo. In Only the Sun Was Witness (1960), un giovane Alain Delon interpreta il seducente ed elegante Tom Ripley. L'adattamento cinematografico di Anthony Minghella del 1999 non solo ha segnato la svolta di Jude Law (nel ruolo di Dickie Greenleaf) come attore internazionale, ma ha anche riunito Matt Damon (Tom), Gwyneth Paltrow (Marge) e Philip Seymour Hoffman (l'amico di Dickie, Freddy) in un'atmosfera forse perfetta. quartetto. .

READ  Gli highlight televisivi e cinematografici della prossima settimana! (9 ottobre 2023 – 15 ottobre 2023) – SHOCK2

La nuova versione diretta dal premio Oscar Zaillian (sceneggiatura del film “Schindler's List”) non è in alcun modo inferiore ai suoi predecessori. In un suggestivo bianco e nero, Ripley analizza la psiche di un piccolo delinquente che diventa un serial killer in otto episodi della durata di almeno 50 minuti. Dal thriller originale di Highsmith, il nuovo film fa emergere ciò che mancava agli adattamenti precedenti: più spazio narrativo e una trama criminale impeccabile con le sue numerose location. Scene ancora più inquietanti di paranoia nell'atrio di marmo della banca, lunghe ombre nere sulle scale romane di marmo, la storia del pittore e assassino Caravaggio e un mare tempestoso e scuro come il vino in cui la storia sanguinosa si riflette più vividamente della poetica del costa digradante. le città.

Il cast principale con Dakota Fanning (Marge), Johnny Flynn (Dickie) ed Elliot Sumner (Freddy) combina un talento che rasenta l'ultimo grande adattamento cinematografico. Tra gli attori spicca Maurizio Lombardi nel ruolo del caparbio detective Scott. Ciò conferisce al personaggio principale l'aspetto di un bugiardo compulsivo e di un camaleonte sociale, la cui vera personalità rappresenta un buco nel suo triste passato.

Il suo creatore, Highsmith (1921-1995), fu una figura controversa. È cresciuta in circostanze difficili, era alcolizzata e antisemita. Per lo scrittore Edmund White, era “Tom Ripley senza la magia”. Come Ripley, era un'arrampicatrice sociale e appassionata di status. Il mistero e la rabbia ambigua che ha attribuito al suo personaggio rendono Ripley un eroe archetipico e un eroe iconico fino ai giorni nostri. Nella serie, Dickie Greenleaf è una simpatica vittima di omicidio rispetto agli adattamenti precedenti. Tuttavia, come spettatore, a un certo punto ti ritrovi con riluttanza dalla parte del mostro, che riesce a farla franca con i suoi misfatti.

READ  Il fratello maggiore di Vip, Cristiano Maljolia, dice dei contratti: è una tempesta

“Mangia i ricchi” Il meglio di Saltburn

Forse qui sono all'opera le oscure ombre junghiane della coscienza, che si possono osservare indirettamente dal divano nelle azioni crudeli e prive di conseguenze di Ripley. O forse è la commedia soddisfacente di una fantasia marxista volgare e violenta: la sensazione di “mangiare i ricchi” che “Saltburn” di Emerald Fennell non trasmette altrettanto bene di “Ripley”. Forse i migliori antieroi provengono da autori che rientrano in questa categoria da qualche parte.

Ulteriori informazioni su questi argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto