Vaccini MRNA per la sclerosi multipla?

Vaccini MRNA per la sclerosi multipla?

La rete della sclerosi multipla correlata alla malattia ha affermato in una dichiarazione corrente che la nuova tecnologia di inoculazione dell’mRNA, attualmente utilizzata con grande successo come immunizzazione contro il Coronavirus, non può essere facilmente trasferita a malattie come la sclerosi multipla.

Studio scientifico in topi non trasferibili

La rete della sclerosi multipla correlata alla malattia ha affermato in una dichiarazione corrente che la nuova tecnologia di inoculazione dell’mRNA, attualmente utilizzata con grande successo come immunizzazione contro il Coronavirus, non può essere facilmente trasferita a malattie come la sclerosi multipla.

In uno studio affascinante, è stato utilizzato un vaccino antinfiammatorio per sopprimere lo sviluppo di encefalomielite autoimmune sperimentale nei topi. Negli animali che sono già malati, il decorso della malattia può essere mitigato o invertito somministrando un vaccino a mRNA.

I risultati di Christina Krink e colleghi, guidati dallo studio del professor Shaheen, co-fondatore di Biontech, hanno recentemente sollevato speranze tra le persone con sclerosi multipla. La risposta dei media è stata alta e si è parlato della possibilità di sviluppare un vaccino contro la sclerosi multipla qui.

Vaccino mRNA di successo come approccio innovativo

La tecnica di innesto di mRNA è attualmente ampiamente discussa. Soprattutto da quando è stato stabilito con successo per la prima volta come strategia per sviluppare un vaccino contro la SARS-CoV-2. A partire dall’8 gennaio 2021, sono stati attualmente approvati due vaccini, che utilizzano entrambi lo stesso principio. Il Competence Network ha fornito informazioni al riguardo in una dichiarazione datata 18 dicembre 2020 e ha emesso raccomandazioni per i pazienti con sclerosi multipla.

Il vaccino mRNA è stato utilizzato negli esperimenti sugli animali e in un modello che imita gli aspetti della SM. Lo studio è di alta qualità, di grande interesse scientifico e ancora una volta documenta il potenziale dell’innesto di mRNA nel suo complesso.

I risultati dei topi non sono trasferibili all’uomo

Tuttavia, ciò che funziona come una strategia di vaccinazione nei topi con encefalomielite autonomica sperimentale non è facile da tradurre come una strategia per le malattie autoimmuni negli esseri umani. Il problema principale negli esseri umani, a differenza del modello animale, è che gli antigeni bersaglio nella SM sono sconosciuti. Per decenni, gli scienziati hanno cercato di identificare gli antigeni correlati alla sclerosi multipla, ma non hanno avuto successo.

Al contrario: negli anni ’90, le terapie antigene-specifiche trasferite da condizioni in vitro all’uomo hanno portato, in alcuni casi inaspettatamente, a un aumento dell’infiammazione nel cervello, migliorando e non inibendo le risposte immunitarie contro il sistema nervoso centrale.

Oggi, la SM è vista come un disturbo complesso delle reti di regolazione immunitaria. Dopo che una selezione di antigeni è stata somministrata per trattare una malattia autoimmune, anche le cellule di difesa possono essere attivate in modo errato. Perché durante la malattia, è evidente che ci sono molti antigeni e molecole HLA che aiutano i linfociti T a distinguere tra cellule sane e malate in base alla struttura della superficie cellulare, e sono individualmente differenti.

Inoltre, il fenomeno di intensificazione dell’infiammazione si basa sulla speciale forza di interconnessione delle difese immunitarie dirette contro il corpo. Non sorprende quindi che fino ad oggi nessun approccio antigene-specifico abbia avuto successo nella sclerosi multipla (così come non in altre malattie autoimmuni).

Nel contesto di una vaccinazione che è stata sviluppata, una malattia autoimmune come la sclerosi multipla non dovrebbe essere collegata all’infezione, che è una risposta altamente diretta ad antigeni (virali) molto specifici. La strategia per lo sviluppo di un “vaccino contro la sclerosi multipla” è un obiettivo scientifico affascinante e prezioso. Ma nell’uomo manca ancora una corretta tecnologia di laboratorio, perché la biologia dei processi infiammatori nella SM deve essere valutata in modo diverso dall’infezione.

READ  Questi alimenti contengono vitamina D.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News