Vacanze in Italia: La città è difficile! I turisti qui sono minacciati da un severo divieto

Per “La Dolce Vita” in vacanza in Italia! Il paese mediterraneo è una delle destinazioni di viaggio più popolari per i tedeschi. Soprattutto, Milano è una tappa obbligata per molti in vacanza in Italia. La città lombarda della moda e della cultura ha sicuramente molto da offrire.

Ma in alcune zone c'è un problema a causa del gran numero di turisti. I residenti sono particolarmente preoccupati dal rumore della festa, ma anche dai combattimenti. Ora la città sta adottando misure drastiche e in qualche modo la sta distruggendo vacanza In Italia!

Vacanze in Italia: La città è difficile!

Un nuovo regolamento dovrebbe entrare in vigore prima di Pentecoste (19 maggio), periodo in cui arrivano molti turisti da casa e dall'estero. Dal 17 maggio dodici regioni saranno divise nelle cosiddette “zone rosse”. Ciò include anche zone famose della vita notturna come Brera, Navigli e Darsena. Si applicano nuove regole rigide – e sono davvero dure!

È vietato introdurre alimenti di qualsiasi genere, compresi i gelati, dopo la mezzanotte. I venditori ambulanti non possono operare dopo le 20:00. Inoltre, è vietato consumare cibi e bevande all'aperto dalle 12:30 alle 6:00 nei giorni feriali e dall'1:30 alle 6:00 nei fine settimana e nei giorni festivi.

I turisti qui sono minacciati da un severo divieto

Secondo l'amministrazione comunale l'obiettivo è “tutelare la tranquillità e il relax dei residenti” e garantire “la fruizione degli spazi pubblici nelle zone interessate dalla vita notturna”. Come riporta il quotidiano Il Giorno, i rivenditori criticano la nuova normativa.


Più notizie:


L'Associazione Commercianti di Milano critica pubblicamente: “Questa misura non farà nulla contro la movimentata vita notturna, colpirà cittadini, turisti e imprese”. Se Milano attuerà davvero la nuova normativa, la città potrebbe diventare un modello per le altre grandi città italiane.

READ  Le 30 migliori recensioni di Tavolo Ping Pong

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto