Uscita dall'Europeo per l'Italia: Addio Italia!

La Squadra Azzurra perde 2-0 contro la Svizzera. Adesso comincia la rivalutazione, ma le critiche a mister Spalletti sono poche.

Atteggiamento da spettacolo: l'allenatore italiano Luciano Spalletti osserva la sconfitta Foto: imago/xinhua

BERLINO taz | Un Paese che vive di calcio reagisce naturalmente con orrore a questo fallimento della Squadra Azzurra. Il giudizio è stato altrettanto duro Gazzetta dello Sport il giorno dopo: “Il risultato è stato uno spettacolo deprimente che non rispecchia i valori del nostro calcio”. Nelle due settimane dell'Europeo, alla squadra “è mancato non solo la comprensione del gioco, ma anche l'anima”, il gli autori hanno scritto su carta rosso salmone. I giocatori della selezione sono apparsi “stupidi, impotenti e confusi” negli ottavi di finale contro la Svizzera, che è stata chiaramente e meritatamente persa 2-0 allo Stadio Olimpico di Berlino davanti a 65.000 spettatori. Questo è esagerato, ovviamente, ma non del tutto sbagliato. Perché alla squadra italiana in questo sabato sera è mancato tutto: velocità, prontezza, volontà.

Ma il fatto che abbia fallito in un dominio tipicamente italiano, la solida difesa, è stato notevole. L'offensiva svizzera aveva individuato come punto debole il terzino Giovanni Di Lorenzo. E infatti: l'area che avrebbe dovuto essere difesa dal professionista dell'SSC Napoli si è rivelata più volte una porta d'accesso per gli attacchi svizzeri al portiere Gianluigi Donnarumma. Di Lorenzo è stato sconfitto, ingannato, ha vagato per la difesa a quattro e sembrava aver contagiato l'uomo accanto a lui, il difensore centrale Gianluca Mancini.

Ha anche giocato una partita eccezionalmente brutta. I due si sono esibiti in vere e proprie scene slapstick, e ogni volta che un giocatore vestito di rosso si avvicinava ai due sfortunati, c'era da aspettarsi il peggio. Di Lorenzo è stato molto deriso, soprattutto sui social media, sono circolati meme sgradevoli e un utente di Twitter ha affermato in modo insipido che Di Lorenzo aveva causato più danni in Italia del Duce.

READ  Discussione pubblica con Olaf Thon a SV Ellingen

Poiché l'allenatore Luciano Spalletti sospettava cosa sarebbe successo mediaticamente ai suoi giocatori dopo la disgrazia di Berlino, si è preso tutta la colpa del fallimento: “I giocatori non hanno colpa, sono io, ho la responsabilità”, ha ripetuto. È anche un po' orgoglioso dei suoi uomini perché si sono qualificati per gli Europei. È questo ormai il metro con cui si misura il successo in Italia? Parliamo dei campioni in carica o di un'altra squadra?

Spalletti vuole continuare

Spalletti ha detto nella conferenza stampa dopo la partita che continuerà ad allenare la Nazionale. Non aveva abbastanza tempo per prepararsi. Esatto: aveva solo dieci partite per trasmettere alla squadra il suo concetto. Ma cosa dovrebbe dire Julian Nagelsmann, che aveva ancora meno tempo? Nell'analisi della partita Spalletti ha parlato più volte della scarsa voglia di correre della sua squadra. La lentezza non è stata certamente la conseguenza del caldo (31 gradi) di Berlino, come ha dimostrato lo svizzero che ha corso con entusiasmo, ma piuttosto una questione di atteggiamento.

“Siamo stati inferiori in velocità, dobbiamo lavorare su questo in futuro, non abbiamo ancora un'identità di base”, ha detto il pelato, campione con l'SSC Napoli nella stagione 2022/23, ma che ora deve ammettere che la posizione di Ct della Nazionale era diversa e in qualche modo più difficile: “Sono stato con le spalle al muro fin dall'inizio. Ho bisogno di più conoscenza ed esperienza per sapere come stanno andando le cose in nazionale”, ha detto il 65enne. Quindi “non hanno mostrato il loro lato migliore” e “non hanno raggiunto il livello giusto”.

READ  Pallavolo - Schwerin - I giocatori di pallavolo SSC perdono i quarti di finale di CL - sport

Un solo giocatore è riuscito anche lontanamente a convincere durante il torneo: Riccardo Calafiori del FC Bologna. È mancato agli ottavi a causa di una squalifica per cartellino giallo e alla squadra è mancata l'ispirazione che il 22enne incarnava. Mentre Spalletti confessava di voler “imparare ancora di più” in carica, nel calcio italiano si discuteva animatamente dello stato di inferiorità della Squadra. “Dobbiamo trovare soluzioni in fretta, non abbiamo molto tempo”, dice Donnarumma. “Analizzeremo tutto”, promette il portiere del Paris Saint-Germain, riferendosi alle partite di Nations League di settembre.

Non ha dubbi né su Mister Spalletti né sulla squadra: “Sono sicuro che il tecnico troverà le soluzioni giuste. La qualità c’è”. È discutibile se credesse davvero a quello che diceva ai microfoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto