Un’ultima parola sorprendente: politica

Julian Assange era seduto nel tribunale distrettuale di Londra, la corte di Old Bailey in gran parte deserta, in una gabbia di vetro, mentre il giudice Vanessa Paritzer dall’altra parte della stanza delle sentenze di 134 pagine ha riassunto. Diverse volte qualcuno tossì, Paritzer lo interruppe brevemente due volte e alzò lo sguardo interrogativo, poi continuò a leggere. Il fondatore di WikiLeaks ha atteso questo momento dal suo arresto da parte della polizia britannica presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra nell’aprile 2019; A quel tempo, gli Stati Uniti avevano pubblicato un atto d’accusa contro l’australiano e chiesto la sua estradizione per crimini contro l’Espionage Act, che criminalizza il possesso e la divulgazione non autorizzati di informazioni di intelligence.

Da allora, Assange, gravemente colpito dalla lunga permanenza presso l’ambasciata e dalla più lunga lotta per la sua libertà, si è seduto in una prigione non lontano dal tribunale, dove nel febbraio 2020 è iniziato il processo di decisione sull’estradizione. Background: nel 2010 WikiLeaks ha pubblicato centinaia di migliaia di Documenti governativi che contengono, tra le altre cose, informazioni riservate sulle azioni militari statunitensi in Iraq e Afghanistan, inclusi riferimenti a gravi crimini di guerra. Da allora, gli Stati Uniti hanno accusato Assange di mettere in pericolo la sicurezza nazionale e di complottare per entrare nei computer del governo, il che ha incoraggiato l’ex soldato Chelsea Manning a farlo.

Assange non ha mostrato sollievo o gioia dopo la sentenza

L’uomo, che aveva sempre suscitato forti reazioni da parte di sostenitori e oppositori, ogni tanto si mordeva le mani durante la conferenza del giudice; Le parole di Barritzer devono essere state per lui insopportabilmente tragiche: per circa un’ora hanno inserito ciò che parla decisamente a favore della richiesta statunitense di estradizione di Assange. Solo allora, negli ultimi cinque minuti, prendere un’altra direzione: perché il 49enne era depresso e suicida e perché sarebbe stato rinchiuso in un carcere di massima sicurezza a Florence, in Colorado, dove sarebbe stato ospitato in caso di suo trasferimento agli americani, condannato a una sorta di isolamento, e temeva Assange si uccide. L’estradizione rifiutata.

READ  è il più alto del mondo. "Non puoi vivere con meno"

L’uomo, il cui destino sarebbe ora deciso in altri casi dopo l’appello degli Stati Uniti, si è appoggiato all’indietro per un secondo, si è stiracchiato e allungato come uscito da una profonda immobilità, e se ne è andato senza dire una parola. Non ha mostrato sollievo e nemmeno gioia. I suoi avvocati ora vogliono provare a trattenerlo su cauzione. La domanda deve essere presentata ore dopo l’annuncio della sentenza.

Un giudice distrettuale ha discusso contro Assange e favorevole all’incriminazione degli Stati Uniti per il tempo più lungo in questo lunedì storico, come dozzine di sostenitori di WikiLeaks hanno dimostrato fuori dal cancello per il suo rilascio. Nei giorni precedenti, diversi attivisti per i diritti umani e associazioni di giornalisti, e il suo partner domenica scorsa, hanno chiamato contro l’estradizione: Assange era un giornalista che esercitava il diritto fondamentale alla libertà di espressione. Se fosse estradato, non si aspetterebbe un processo equo negli Stati Uniti, poiché gli ultimi anni hanno comunque dimostrato che il processo è politicamente motivato.

Secondo il giudice, Assange si stava comportando come un commerciante di dati senza scrupoli

Paritzer ha negato l’argomento Assange e il suo avvocato secondo cui alla fine avrebbe agito “entro i limiti del giornalismo responsabile”. Il problema, secondo il giudice, è che il fondatore di WikiLeaks non solo ha incoraggiato il suo informatore, Chelsea Manning, a ottenere dati riservati, ma ha anche assunto il diritto all’autodeterminazione delle persone pubblicandoli. Chi non può conoscere le proprie condizioni di vita o le minacce – tutto in nome della libertà di espressione.

Nel mondo digitale, ogni hacker può raccogliere enormi quantità di dati. A differenza dei media tradizionali, che elaborano e modificano le informazioni di WikiLeaks e quindi proteggono le persone, coloro che diffondono i dati senza protezione non si vedrebbero vincolati dal diritto professionale. Tuttavia, ciò non li assolve dal dovere di agire in modo responsabile. Secondo Paritzer, Assange non ha agito come giornalista, ma alla fine ha agito come una sorta di commerciante di dati senza scrupoli. Secondo il giudice, gli informatori hanno anche il dovere di proteggere le persone quando le informazioni vengono divulgate.

READ  quattro morti e diversi feriti

Il giudice ha anche contraddetto le preoccupazioni dell’avvocato di Assange secondo cui una delle ragioni del processo ingiusto negli Stati Uniti è che il processo si svolgerà in un tribunale non lontano dalla sede della CIA. Poiché la maggior parte del personale della CIA viveva lì, era quasi impossibile, come nell’argomentazione di Assange, trovare un numero sufficiente di giurati imparziali. Anche Baraitser non era d’accordo: milioni di persone vivono nella zona e probabilmente c’erano una dozzina di persone con un patrimonio netto.

Assange avrebbe minacciato fino a 175 anni di carcere negli Stati Uniti

Quindi è stata una sorpresa che il giudice distrettuale abbia finalmente deciso di rifiutare l’estradizione. Assange è noto da tempo per soffrire di malattie mentali e depressione. Non da ultimo, dopo una visita alla prigione di Belmarsh, dove Assange è incarcerato, il Relatore speciale delle Nazioni Unite Niels Melzer ha scoperto che l’uomo era in pericolo di vita; Ha mostrato segni di tortura psicologica.

Negli Stati Uniti, Assange avrebbe minacciato la reclusione fino a 175 anni. Ora rimarrà per il momento in Gran Bretagna, mentre la nomina americana sarà fissata con una procedura che potrebbe richiedere anni.

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *