Unicredit, un consiglio di amministrazione informale. Il faro si è concentrato sull’elezione di Mustier- Corriere.it

UniCredit, possibile cambio di gestione. Domenica sera si terrà un incontro informale tra i membri del consiglio di amministrazione di Unicredit. Lo abbiamo appreso da fonti che hanno familiarità con il dossier. Si tiene un incontro, confermato dalle stesse fonti, per discutere l’iter di rinnovo del Consiglio stesso alla luce della scadenza del mandato nell’aprile 2021. L’incontro tiene conto dell’avvio del processo di gestione formale, che il Comitato per le Nomine di Unicredit inizierà la prossima settimana.

Continua quindi la discussione sul rinnovo del consiglio di amministrazione della banca. L’ostilità del Sole 24 Ore ha acceso la luce, parlando del consiglio di amministrazione straordinario convocato domenica 29 novembre sul tema della corporate governance e della composizione del consiglio d’istituto. In mattinata dalla banca è arrivato il messaggio “nessun commento”.

Qualche settimana fa, UniCredit ha iniziato a lavorare alla preparazione di una lista di candidati per un nuovo consiglio di amministrazione da eleggere in un’assemblea degli azionisti in primavera. In UniCredit, che è una public company, il consiglio uscente propone una lista basata su una valutazione dei singoli potenziali candidati che dura diversi mesi. Nel processo, il futuro presidente è già stato determinato, l’ex ministro dell’Economia Pierre Carlo Padaan è già stato cooptato nell’attuale consiglio il mese scorso.

Ora l’argomento caldo sembra essere il tema del CEO. Secondo Sun, c’è incertezza sulla maturità di Jean-Pierre Moustier alla guida di UniCredit come CEO. Ma non c’è conferma di ciò. Secondo indiscrezioni, l’argomento dell’incontro sarebbero proprio le condizioni che Moussier potrebbe riprogrammare per un terzo mandato (in carica da luglio 2016); il banchiere ha da tempo stabilito una strategia di non fusione / acquisizione, e ancor di più in Italia. Tuttavia, Unicredit è considerata la banca più adatta ad assorbire MPS prima che il governo predisponga una dote di circa 2 miliardi di crediti d’imposta per mitigare l’influenza della Banca Siena (se non neutrale) sugli asset di Unicredit. . Operazione che non è stata condotta ufficialmente: il 5 novembre, presentando i rapporti, Mustier ha ribadito che “il nostro piano per il 2023 si basa sul presupposto di ‘nessuna fusione e acquisizione’ per quanto riguarda il possibile acquisto di MPS”. Preferiamo la trasformazione piuttosto che l’integrazione e noi vogliamo utilizzare il capitale in eccesso per sostenere l’economia e restituire il capitale agli azionisti se il regolatore lo consente. “” Questa “, ha concluso,” è la risposta alla nostra strategia, e non cambierà di un centimetro “.

READ  Fiat Panda test, caratteristiche tecniche, opinioni e dimensioni 1.0 Hybrid City Life

Mustier ha anche cercato di dividere Unicredit in due parti, costituendo una subholding quotata a Francoforte – controllata da una casa madre italiana – all’interno di tutte le banche estere: una rielaborazione generale contrastata da diversi osservatori, all’interno dello stesso board e dalla politica. e governo (anche se in modo non ufficiale). Recentemente lo stesso banchiere ha dimostrato di averla abbandonata, visto il contesto macroeconomico favorevole creato dalla politica della Bce: “Il nostro progetto di subholding è stato sviluppato più di un anno fa per ottimizzare il costo del finanziamento e la nostra struttura”, ha detto. Il 5 novembre dello scorso anno, ma “nel nuovo contesto macroeconomico non abbiamo motivo di effettuare subholding. Il progetto resta un progetto”.

Rocco Miniati

"Professionista del caffè. Appassionato di social media. Fanatico del web professionista. Appassionato di zombi".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *