Una nuova soluzione di sanità elettronica per i malati di Parkinson – silicon.de

La malattia di Parkinson è una delle malattie neurodegenerative più diffuse al mondo. Chi ne soffre soffre di disturbi motori come tremori, movimenti lenti, rigidità muscolare e problemi di equilibrio. La memoria può anche peggiorare con il progredire della malattia.

Il decorso individuale della malattia non può essere previsto, quindi gli esperti raccomandano un monitoraggio regolare e attento dei pazienti in modo che possano rispondere rapidamente ai cambiamenti dei sintomi. Nel progetto ParkProReakt, i ricercatori di Fraunhofer– FIT, in collaborazione con i partner, sta sviluppando una piattaforma e un'applicazione digitale, combinata con dispositivi indossabili, per tracciare il decorso della malattia e mira a migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da Parkinson.

Assistenza basata sui bisogni

Poiché raggiungere uno studio medico è difficile per molti pazienti e i viaggi sono spesso lunghi, soprattutto nelle zone rurali, i controlli a volte vengono effettuati solo ogni sei mesi o anche meno spesso. Spesso i pazienti e i loro parenti non riconoscono i nuovi sintomi e quindi i medici curanti non vengono informati.

Sviluppando una piattaforma web e un'app mobile per smartphone collegati all'Apple Watch tramite Bluetooth, i partner vogliono creare un modello di offerta intersettoriale. Ciò significa che il personale infermieristico e gli specialisti possono scambiarsi informazioni sulla piattaforma.

L’obiettivo è ottenere una migliore assistenza ai pazienti. Inoltre, i parenti che si prendono cura di loro dovrebbero sentirsi sicuri che l’utilizzo della soluzione digitale li aiuta a valutare i cambiamenti nel corso della malattia.

»L'applicazione denominata Active PD viene utilizzata dai pazienti dopo la fase di formazione. “I dati raccolti vengono trasferiti sulla piattaforma web a disposizione dei medici”, spiega Daniel Wolferts, scienziato del Fraunhofer FIT.

READ  Modelle famose come Heidi Klum fanno affidamento su questi alimenti cosmetici

Wolferts e il suo team sono responsabili, tra le altre cose, della progettazione incentrata sull'uomo di entrambi i sistemi e sono anche responsabili della progettazione user-friendly della rispettiva interfaccia utente. » Come si può progettare un’applicazione per i malati di Parkinson? Quali informazioni vorrebbero ricevere le persone colpite? Come vengono presentati i dati in entrambe le applicazioni in modo che siano di facile utilizzo per tutti i soggetti coinvolti e come vengono soddisfatti al meglio i requisiti? Come possono le persone colpite completare i test e gli esami necessari sul proprio smartphone senza provare esaurimento fisico? “Ci stiamo occupando di queste domande.”

Test completi per smartphone

Il concetto è in fase di convalida in studi clinici con 170 pazienti nell’arco di sei mesi. Il gruppo di intervento riceve la soluzione digitale e il gruppo di controllo viene trattato come al solito senza assistenza tecnica. Ai pazienti viene chiesto di sottoporsi a test specifici e standardizzati relativi alla malattia di Parkinson due volte a settimana utilizzando l'app e un Apple Watch dotato di sensori, che riguardano principalmente le capacità motorie e la salute.

I test aiutano i medici e gli operatori sanitari a valutare meglio i sintomi legati alla malattia e a rispondere rapidamente con misure appropriate. Ad esempio, i partecipanti devono eseguire esercizi con le dita davanti alla fotocamera dello smartphone e toccare più volte di seguito gli indici e i pollici il più rapidamente possibile. Il riconoscimento delle immagini identifica il pollice e l'indice e misura la distanza tra le dita durante il test.

In un altro esercizio, il pugno deve essere aperto e chiuso con alta frequenza. Il ricercatore spiega: “Le persone colpite a causa della loro malattia hanno difficoltà a eseguire questi movimenti in modo rapido e fluido”. Inoltre, i sensori vengono utilizzati per verificare se i partecipanti sono in grado di tenere le mani ferme per un certo periodo di tempo senza tremare, il che rappresenta una sfida per le persone affette da morbo di Parkinson.

READ  Ospiti il ​​18/9/23 e argomento

Domande relative al benessere completano i test in modo da poter intervenire per fornire supporto a livello emotivo, se necessario. Il sistema a semaforo informa il medico curante se le condizioni del malato peggiorano in modo significativo. Tramite l'app, attualmente allo stato di prototipo, è possibile segnalare anche eventi speciali come le cadute. “Con la soluzione digitale speriamo di poter offrire ai fornitori una visione migliore della vita quotidiana dei pazienti e di avere un impatto positivo sulla qualità della vita delle persone colpite, in modo che il concetto possa essere ampliato per includere altre malattie neurologiche se funziona ”, afferma Wolferts.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto