Tour de France: tutto quello che devi sapere sulla partenza del Tour de France

Perchè nasce in Italia?

Sabato il Grand Départ sarà a Firenze. Ormai è diventata un po’ una tradizione che… Giro di Francia Inizia fuori dalla Francia. Dopo Copenaghen nel 2022 e Bilbao l'anno scorso, è la volta della città sull'Arno: per la prima volta in assoluto il tour parte dall'Italia. I motivi sono diversi: esattamente 100 anni fa Ottavio Botticchia fu il primo italiano a vincere il Tour, e il mondo del ciclismo emiliano-romagnolo onora anche Marco Pantani, vincitore del Tour nel 1998, scomparso 20 anni fa.

Un'altra novità: per la prima volta il Tour de France a Parigi non termina sugli Champs-Élysées, questa volta il traguardo è arrivato a causa dei preparativi per i Giochi Olimpici di Parigi Bello – buono.

Quando diventa sexy?

nel primo giorno. Non ci sarà una corsa tranquilla, nessuna tappa pianeggiante di 200 km e uno sprint alla partenza. La prima tappa si estende da Firenze attraverso l'Appennino fino al mare Adriatico. I ciclisti devono superare sette salite, tra cui la Côte de Saint-Leu: quattro chilometri e mezzo con una pendenza media di circa l'8%. È molto probabile che uno dei favoriti per la vittoria del round vinca il primo giorno.

Per chi vuole fare la differenza nella classifica generale, la prima tappa è una questione complessa. Le strade dell'Emilia-Romagna sono strette e le piste sono tecniche e pericolose. Il gruppo è sempre nervoso all'inizio di un Tour, soprattutto in una stagione segnata da gravi cadute. Vale il vecchio detto: non puoi vincere un round il primo giorno, ma puoi perderlo.

READ  jogging, fumo per strada e negozi al coperto - Corriere.it

Lo stesso vale per la quarta fase, quando inizia il round Francia Arriva. Poi i corridori devono scalare la prima montagna della categoria più alta: il Col du Galibier. Tadej Pogačar, particolarmente favorito, non ha un bel ricordo di lui, dato che due anni fa ha perso il tour contro Jonas Vingegaard sul palco con Galibier.

Chi sono i tuoi preferiti?

Le ultime quattro vittorie assolute sono condivise da due piloti: il danese Jonas Wingegaard (2022 e 2023) e lo sloveno Tadej Pogacar (2020 e 2021). Sono ancora una volta i favoriti per la vittoria, ma arrivano al Tour in circostanze completamente diverse: Pogačar è in ottima forma dall'inizio della stagione. In primavera ha vinto diverse gare di un giorno e alla fine di maggio ha ottenuto la vittoria assoluta nel secondo giro nazionale più importante, il Giro d'Italia, con quasi dieci minuti di vantaggio sul secondo classificato.

Vinjegaard, invece, è caduto gravemente durante una gara di preparazione nei Paesi Baschi, rompendosi la clavicola e diverse costole, oltre a perforarsi un polmone. Il round di apertura sarà il suo primo giorno di gare dopo l'incidente. Il danese si allena in quota da settimane, ma solo lui e la sua squadra sanno che aspetto ha realmente.

Chi ha opportunità esterne?

Dietro i primi due candidati si trovano Primož Roglič e Remco Evenepoel. Entrambi hanno già vinto Grandi Giri, ma mai il Tour de France – ed entrambi sono stati coinvolti nello stesso incidente di Jonas Wingegaard. Roglic in particolare ha dei conti da regolare: Tadej Pogarar gli ha strappato la vittoria del Tour da sotto il naso nella penultima tappa quattro anni fa, e Vinjegaard lo ha superato come leader della squadra Jumbo-Visma. Lo sloveno ora guida la squadra tedesca Red Bull-Bora-hansgrohe.

READ  Alluvioni drammatiche in Germania, Austria e Italia, oltre a neve sulle Alpi

E le altre magliette?

Jasper Philipsen vuole difendere la maglia verde del miglior velocista. Con quattro vittorie di tappa, lo scorso anno il belga è stato l'uomo dominante sulle tappe pianeggianti. Supportato dal campione del mondo Mathieu van der Poel, Philipsen sarà difficile da battere ancora. Probabilmente i suoi rivali più forti sono due connazionali: Wout van Aert e Arnaud de Lee. Il danese Mads Pedersen ha opportunità esterne.

La corsa per la maglia bianca del miglior giovane professionista è diventata di nuovo emozionante per la prima volta dopo anni – perché Tadej Pogar ha compiuto 25 anni ed è fuori da questa classifica (tra l'altro, le sue quattro maglie bianche in quattro presenze sono un record). . Il candidato più promettente insieme a Remco Evenepoel è lo spagnolo Carlos Rodriguez, che lo scorso anno si è classificato quinto nella classifica generale. Anche il colombiano Santiago Buitrago e l'americano Matthew Jorgenson hanno due possibilità.

Difficile prevedere chi vincerà la leggendaria maglia punteggiata del miglior corridore di montagna. I piloti che originariamente avevano ambizioni di classifica generale ma che sono rimasti indietro spesso combattono per punti di montagna. C'è di nuovo il vincitore dello scorso anno Giulio Ceccone.

READ  Le 30 migliori recensioni di Coperta Lana Grossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto