Tbilisi: in Georgia continuano le proteste contro la “legge russa”.

In Georgia continuano le proteste contro la controversa legge. Ancora una volta migliaia di persone sono scese in piazza contro la legge sull’“influenza straniera”. I manifestanti si sono radunati nella capitale georgiana, Tbilisi, davanti al Paragraph Hotel, dove i membri del governo stavano partecipando ad un forum. Si sono poi trasferiti al quartier generale del partito al potere Georgian Dream.

I partecipanti alla protesta hanno cantato: “Non ci stancheremo” e “La Georgia vincerà!” E “No al governo russo!” Decine di migliaia di persone hanno manifestato di recente nella capitale georgiana e la polizia ha usato gas lacrimogeni, idranti e proiettili di gomma contro i manifestanti.

Una legge simile in Russia è uno strumento importante contro i critici

Da diverse settimane continuano le proteste contro la “legge russa”, il cui progetto è stato approvato mercoledì in seconda lettura. La legge prevede che le organizzazioni che ricevono almeno il 20% dei propri finanziamenti dall’estero debbano… Georgia Deve essere ufficialmente registrato. Il partito al governo Sogno Georgiano punta a far entrare in vigore la legge a metà maggio. La prima versione della legge è stata abbandonata l’anno scorso dopo massicce proteste di piazza.

Il governo afferma che il progetto garantirà maggiore trasparenza. Tuttavia, i critici vedono in questo una chiara somiglianza con la legge russa contro gli “agenti stranieri”. Ciò consente alle autorità locali di agire contro i media e le organizzazioni critiche. Negli ultimi anni i requisiti in base ai quali le persone e le organizzazioni possono essere classificate come “agenti stranieri” sono stati indeboliti più volte. Ora è visto come uno strumento importante contro i critici del regime di Putin.

READ  giallo sulla salute del presidente degli Stati Uniti

Il partito al potere è stato fondato dall'oligarca Bidzina Ivanishvili, l'uomo più ricco della Georgia. Ha fatto fortuna commerciando in… Russia È diventato miliardario negli anni '90 con i suoi investimenti nelle miniere di ferro e nelle banche. L’oligarchia ha anche sostenuto pubblicamente il disegno di legge e ha minacciato di ritenere responsabili i manifestanti dopo le elezioni parlamentari in autunno.

Il progetto di risoluzione potrebbe mettere a repentaglio le possibilità della Georgia di aderire all'Unione europea

La presidentessa Salome Zurabishvili si è invece schierata dalla parte dei manifestanti, in maggioranza filo-europei. Anche le Nazioni Unite, gli Stati Uniti e l'Unione Europea hanno espresso critiche ai piani legali della Georgia.

Il progetto di risoluzione potrebbe mettere a repentaglio le possibilità della Georgia di aderire all'Unione europea. Il Parlamento europeo ha già approvato una risoluzione che sospende i colloqui di adesione con la Georgia all'UE se la legge entrerà in vigore. Inoltre, fino al 95% del budget delle organizzazioni della società civile attive in settori quali la promozione della democrazia e i diritti LGBT proviene da fonti internazionali, come questo Istituto della società civile apprezzare. Quasi tutti saranno colpiti dalla legge.

READ  Coronavirus, nuove regole: obbligo di indossare maschere all'aperto con i non conviventi. Il lavoro intelligente rimane semplificato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto