Stati Uniti, agente accusato di aver ucciso George Floyd su cauzione gratuita

WASHINGTON – Derek Chauvin, un agente di polizia accusato di aver ucciso un afroamericano George Floyd, cauzione gratuita dietro pagamento di un milione di dollari. L’ufficiale è stato tenuto in isolamento a Oak Park Heights, Minnesota, in una prigione di massima sicurezza in attesa del processo.

La morte di Floyd, avvenuta il 25 maggio 2020, ha scatenato un enorme movimento di protesta negli Stati Uniti contro la brutalità della polizia e il razzismo. “Non riesco a respirare“Non riesco a respirare”, è una frase che Floyd ha ripetuto a Shavin 20 volte nei quasi nove minuti prima della sua morte, mentre l’agente gli premeva il ginocchio sul collo. Quando Floyd ha detto a Shavin: “Mi stai uccidendo”, ha risposto: “Allora smettila di parlare, smettila di urlare. Ci vuole molto ossigeno per parlare. “

Derek Shavin è accusato di omicidio di secondo e terzo grado. La cauzione dell’ex agente è stata fissata a $ 1,25 milioni o $ 1 milione forniti. Secondo un documento depositato presso il tribunale distrettuale di Henpen dallo sceriffo distrettuale, è stato rilasciato a determinate condizioni, tra cui il divieto di lavorare nelle forze dell’ordine e contatti diretti o indiretti attraverso i social media. , con la famiglia Floyd. L’ex agente è inoltre tenuto a fornire eventuali licenze o permessi di armi da fuoco.

Chauvin premette il ginocchio contro il collo di Floyd mentre i suoi tre colleghi, Thomas Lane, J. Kueng e Tu Tao guardavano. Tutti e quattro gli agenti sono stati licenziati e tre sono stati accusati di complicità. Sono tutti gratuiti dopo aver pubblicato una cauzione di $ 750.000 in attesa di prova. La data del processo è fissata per l’8 marzo, ma ci sono buone probabilità che il giudice decida di processarli separatamente.

READ  Trump: L'impresa criminale della famiglia Biden è l'ultima ora
More from Agapeto Napolitano

Lombardia, nuova ordinanza: confermato il coprifuoco,

La Regione Lombardia sta attuando un altro decreto sulla lotta al coronavirus,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *