Sigrid Damm su Goethe e Carl August – “Essere completamente secondo i miei desideri”

Anima, forza, affetto e fermento: Sigrid Damm, che lunedì festeggerà il suo 80 ° compleanno, scrive con appassionata esperienza di Goethe e del suo datore di lavoro Carl August.

Quando la notizia della morte del granduca Karl August giunse a casa di Goethe a Frauenplan il 15 giugno 1828, il Segretario di Stato stava pranzando in un gruppo famoso e di buon umore. Poco dopo nel suo diario: “La notizia della morte del Duca turbò la festa”.

Il vecchio amico e pastore è morto e il poeta si accorge che è annoiato? Sigrid Dam mette questa falsa impressione all’inizio del suo nuovo libro, evidenziando gli interni personali e gli sfondi storici di un’amicizia di uomini unica e spesso strana. Come spesso accade nel gruppo di lavoro Goethe-Weimar dell’autore, che lunedì compirà 80 anni, viene presentata la storia precisa, diretta e diretta del notevole legame tra spirito, forza, affetto e turbamento.

Ciò che entrambe le parti sperimentano l’una con l’altra, imparano l’una dall’altra e pensano l’una contro l’altra, quali tempi e circostanze che le trasformano e cosa si trasforma nella loro amicizia, deve appartenere al vecchio Goethe quel peculiare campo di “satanismo” tra il destino individuale e la grande politica. Ciò è particolarmente vero per gli uomini del rango di Mozart, Paganini o Napoleone Bonaparte, ma non c’è dubbio che anche il defunto Granduca apparteneva a una natura satanica, “piena di energia e ansia senza limiti, così che il suo regno era troppo piccolo per lui, e il più grande era troppo piccolo per Lui. Lo sarebbe stato. “

Durante la sua lunga permanenza a Weimar, Goethe mantenne un rapporto di gratitudine e lealtà verso il Granduca, non lo contraddisse mai crudelmente e lo trattò sempre con rispetto e servizio; In effetti, si è avvicinato a lui come un vecchio con la coercizione nobiliare. Goethe era un amico e compagno, mentore e consigliere, subordinato e talvolta alleato, ma aveva una visione critica di Karl Augustus come uomo e persona padronale, soprattutto per le sue aspirazioni e avventure politiche e militari.

READ  Oroscopo di Branko - oggi è sabato 17 ottobre 2020 - Pronostici per Ariete, Toro, Gemelli e Cancro

Al contrario, lo stesso principe si è spesso dimostrato generoso e tollerante nei confronti del famoso artista e pensatore della corte di Weimar, lo ha premiato molto e lo ha sostenuto in molti modi, e dopo il “viaggio italiano” dell’amico lo ha onorato ancora di più. O per sviluppare ulteriormente le belle scienze e le arti in Sassonia-Weimar come giornalista freelance: “Era August e Massen per me. (…) Non ho bisogno di ringraziare nessuno tranne lui”, dice Goethe del suo datore di lavoro, anche se è chiaro che se ne sta parlando. Due esistenze sono contraddittorie “Davvero:” Gli devo molto per dargli un’esistenza. Lo devo, come desidero, sì ai miei desideri “.

il libro

Diga di Sigrid: Goethe e Karl August. Gli alti e bassi dell’amicizia. Insel Verlag, Berlino 2020.319 pagine, 24 €.

Attraverso un’esperienza appassionata, Sigrid Dam esplora le tensioni, le contraddizioni e le seccature tra i due amici che si guardano. Goethe sa che Carl August è “un principe felicemente addestrato e profondamente amato dalla natura”. Ammira il suo genio politico, il coraggio, la sicurezza interna nel processo decisionale e l’aspetto rappresentativo, ma conosce anche la crudeltà e la debolezza di questo grande sovrano su un piccolo pezzo di terra. Non è d’accordo con la sua passione per la caccia e la sua tendenza omicida verso tutto ciò che è militarizzato e politicamente inflazionato, e più tardi anche il suo atteggiamento positivo nei confronti del patriottismo liberale dei corpi studenteschi di Jena, inclusa l’agonizzante “libertà di stampa”.

Al contrario, Carl August non era eccessivamente raro, anche “mezzo imbarazzato, allarmato” dal comportamento del suo funzionario in materia di università e scienze. Goethe non chiama semplicemente “l’essenza critica assurda” dei romantici, tutti filosofi e storici di Jena liberamente pensanti, che sparano erba, cosicché, ad esempio, nella “disputa sull’ateismo” non si poteva più evitare l’espulsione di Fichte? Ogni volta che ha affrontato Goethe, c’era un tale “discorso così ricco di parole che la mia pazienza si esaurisce, e talvolta ottiene chiarezza e semplicità di pensiero”.

READ  trama del 18 dicembre 2020, trasmessa nella puntata

Nell’aprile 1817 ci fu uno scandalo aperto: il Granduca licenziò il suo amico dalla posizione di Direttore artistico del Teatro di Corte di Weimar dopo le principali critiche alla sua politica di riferimento e di riforma e un disaccordo con Caroline von Heigendorf, l’amante di Karl August. Da allora, la persona separata dovrebbe trascorrere sempre più tempo a Jena ed espandere costantemente il suo “lavoro di supervisione” lì. Non è facile sbarazzarsi del risentimento tra datore di lavoro e ministro. Ma la contro-magia della propria poesia offre ancora sufficiente liberazione, ispirazione e conforto che, nonostante tutte le angosce esterne, il lavoro prosegua sui testi famosi e sull’ultima edizione. È notevole in quale dominio storico antagonista tutto questo avvenga.

Particolarmente interessanti sono le indagini di Sigrid Dam sull’opposizione politica tra Carl August e Goethe. Quante volte il poeta ha tormentato lo statista per le sue ambizioni esagerate in quel mondo politico rivoluzionario e per la guerra disperata al punto che dovrebbe piuttosto preoccuparsi del benessere delle persone a lui affidate, piuttosto che perseguire i sogni di un grande potere politico e servire come soldato al servizio prussiano. Napoleon odia Carl August e un ammiratore di Napoleon Goethe: dovrebbero solo trovare un denominatore comune su alcune questioni politiche.

Il funzionario, poeta, scienziato e direttore della scienza, con costernazione del suo maestro, uscirà egli stesso dagli atti energici taglienti con l’aumento del sospetto. Sia che Carl August volesse fondare la Lega dei principi tedeschi e, come generale prussiano, scendere in campo senza gloria contro Napoleone, sia che volesse affermarsi contro la forza schiacciante per rivendicare Metternich o, seguendo l’esempio inglese, sottoscrivere una monarchia costituzionale, Goethe continua a ricordarcelo in Il conservatorismo tattico affrontò con attenzione i pericoli dell ‘”anarchia” politica nel paese. Di tanto in tanto il sovrano di Weimar appare più generoso della sua famosa anima gemella.

READ  NCIS a Los Angeles su Rai2, avanza nell'undicesima puntata: Nell si dimette

Tuttavia, Goethe non solo onorava il suo maestro in termini umani, ma apprezzava anche il suo sconfinato significato storico come “servire nella realizzazione di grandi scopi, al servizio dell’interesse del suo popolo!” Sigrid Dam testimonia nel suo libro magistrale che esiste una relazione tra spirito e forza che si può sperare di ispirare al tempo del Trumpismo.

Guerino Manna

"Difensore degli zombi per tutta la vita. Nerd della musica sottilmente affascinante. Drogato malvagio dei social media."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *