Si prevede che si verifichi uno degli sciami meteorici più forti, con un numero di meteore che raggiungerà le sessanta all'ora

Secondo quanto riferito, la domenica è una buona idea restare svegli all'alba per vedere uno degli sciami meteorici più potenti dell'anno Nazione ungherese.

Uno degli sciami meteorici più belli dell'anno, le Aeta Aquaridi (chiamate anche Aquaridi di maggio), sarà visibile all'alba di domenica. Dopo Dichiarazioni Secondo l'Osservatorio Svábhegy, lo sciame meteorico di quest'anno rilascerà una giovane stella cadente che probabilmente non verrà osservata di nuovo fino al 2046. Il nome “Aquariidi” deriva dal nome latino della costellazione dell'Acquario.

Le meteore che si possono osservare durante la caduta di Eta Accordia sono note per la loro velocità: raggiungono velocità elevatissime, circa 66 chilometri orari, e rallentano improvvisamente quando entrano nell'atmosfera terrestre. Quest'anno lo sciame raggiungerà il suo massimo all'alba di domenica.

Invece di una media di 25 meteore all’ora, ora possiamo vedere fino a 60 meteore all’ora.

La dichiarazione dice.

Osservatorio Svabhegy a Budapest, foto: Facebook/Osservatorio Svabhegy

Secondo le informazioni, sarà più facile vedere le meteore perché il nostro compagno celeste si troverà nella fase attorno alla luna nuova, dove la falce lunare è inferiore al 6%. Sono quindi previste forti piogge dopo le 3:30, tra le 3 e le 4 del mattino.

Vale la pena guardare verso est nel cielo e godersi le Acquaridi di maggio in un luogo buio e rurale con un buon orizzonte.

Quindi dai l'osservatorio.

Anche se domenica all'alba non c'è sereno, non c'è motivo di scoraggiarsi perché il massimo dell'Aeta Aquarid è prolungato, quindi ne vedremo uno nelle prime ore del mattino uno o due giorni prima e dopo aver visto una violenta meteora. doccia.

READ  Questi smartphone Samsung presto non riceveranno più aggiornamenti

Lo sciame meteorico è uno dei quarti sciami meteorici più potenti dell'anno e raggiunge il suo picco all'inizio di maggio. L'obiettivo principale dello sciame di meteoriti è la cometa di Halley. Secondo la dichiarazione, la cometa di Halley orbita attorno al Sole in media ogni 76 anni. I suoi documenti storici più antichi risalgono al 467 a.C. L’ultima volta che si è avvicinato al nostro pianeta è stato nel 1986, e la prossima volta ritornerà nel 2061.

Articoli Correlati

Immergiti nei segreti dell'universo

Immergiti nei segreti dell'universo

La direzione del Parco nazionale di Bok organizza una serie di conferenze presso il suo Centro visitatori di astronomia nei mesi di aprile e maggio Leggi di più

Tramite magyarnemzet.hu, immagine in primo piano: pexels

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto