Se ti mangi le unghie, ecco cosa fai e cosa ti dice la psicologia

Cosa ti dice la psicologia e cosa fai quando ti mordi le unghie? Ti mordi le unghie. E spesso accade tutto in modo ossessivo, quasi sempre senza accorgersene. Con la conseguenza che in generale l’onicofagia come disturbo può avere origini e spiegazioni che devono essere affidate alla psicologia.

Se ti mangi le unghie, è quello che fai e cosa ti dice la psicologia? Inoltre, l’abitudine di mangiarsi le unghie è senza età. Perché l’onicofagia può verificarsi durante l’infanzia. Così come il disturbo può manifestarsi solo in età adulta.

Se ti mangi le unghie, ecco cosa fai e come evitarlo

Esistono in commercio rimedi per evitare di mangiarsi le unghie. Uno di questi è rappresentato dallo smalto. Questa vernice, fissata sulla punta delle unghie, funge a tutti gli effetti da deterrente. Perché ha un sapore amaro.

Oppure il suo sapore è pungente, e in ogni caso lo è smalto per unghie non è pericoloso. Come si fa con gli estratti vegetali. L’orribile sapore dello smalto fa un ottimo lavoro. Cioè per evitare di mordere non solo le unghie.

Ma anche la cuticola con conseguente rischio di arrossamenti e quindi infezioni. Inoltre, chi si morde le unghie e addirittura le ingoia rischia di danneggiare lo stomaco. E in generale, il morso continuo può causare patologie dentali. A partire da danni alle gengive.

Esistono altre soluzioni in alternativa allo smalto per evitare di mangiarsi le unghie? Ad esempio, cerotti per dita screpolate. Si tratta di cerotti impermeabili e ipoallergenici. E che vengono utilizzati principalmente nei bambini. Per i bambini che si stanno solo mangiando le unghie. E questo, di conseguenza, porta a lesioni alla punta delle dita.

READ  Per fare amicizia con i gatti, strizza gli occhi - Notizie

Cosa dice la psicologia sull’onicofagia che soffre di disturbo ossessivo-compulsivo

Uno che è associato all’onicofagia può essere un disturbo della crescita. E così col tempo è destinato a scomparire. Ma negli adulti può essere ossessivo. Al fatto che il soggetto stesso nega di soffrire di mangiarsi le unghie.

Spesso anche altri disturbi sono associati a punture di unghie, come i disturbi alimentari. Pertanto, a seconda della natura del disturbo, il trattamento può essere solo di tipo comportamentale. Ma nei casi più gravi la terapia è farmacologica. Uno che mira a trattare chiunque patologia trovato per portare a onicofagia.

(Ti ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze al riguardo, che possono essere affrontate Organizzazione mondiale della sanità “)

Written By
More from Rocco Miniati

Covid spaventa il mercato azionario meno del titolo

Dimentica il posto nei listini prezzi mondiali. Covid spaventa il mercato azionario...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *