Scienziato: “Il segreto dell’immunità nelle cellule T”

SINGAPORE (14 novembre 2020) – Antonio Bertaleti, scienziato cremonese che lavora all’Università di Singapore, parla via Skype dal suo ufficio. Professore di nuove malattie infettive alla Duke-Noos Medical School, studia da mesi SarsCov-2 e sta conducendo importanti ricerche sulla possibile immunità.

Come stanno procedendo gli studi immunitari che stai conducendo? Sei stato premiato anche dalla prestigiosa pubblicazione “Nature”. “Studio, in particolare, le cellule T, che sono una componente evolutiva del nostro sistema immunitario, che è costituito da anticorpi ed è questo tipo di cellule. Entrambi combattono il virus, anche se in modo diverso. Gli anticorpi lo riconoscono nella realtà e lavorano per bloccare l’infezione. I linfociti T, invece, riconoscono le cellule infettate dal virus, e quindi lo riproducono, e passano alla loro lisi (distruzione ndc). Quando il nostro corpo sviluppa sia gli anticorpi che i linfociti T, diciamo che va bene “.

Il termine immunità spesso non è così chiaro, almeno tra noi, i laici, puoi fare luce?
“L’immunità è considerata protezione contro la malattia, ma da un punto di vista immunologico significa in poche parole che si sono formati cellule T o anticorpi in grado di riconoscere il virus. Ciò non significa che sei completamente protetto. La realtà è che potresti essere immune ma essere comunque infettato. Tuttavia, i nostri linfociti T hanno una memoria, e quindi, anche se gli anticorpi vengono abbassati dopo un certo periodo di tempo dall’infezione, il soggetto sarà comunque in grado di contenere l’infezione e superarla un po ‘. Le cellule T della memoria sono la definizione scientifica delle cellule T che sono più importanti degli anticorpi, almeno la ricerca sta andando in quella direzione. Se non sei vaccinato contro il virus, non ne hai di specifici per combatterlo, ma il mio lavoro mostra che i soggetti che non hanno mai avuto il coronavirus in realtà hanno tracce, anche abbastanza consistenti, di cellule T delle cellule immunitarie contro i siti. SarsCoV-2, che potrebbe essere stimolato da altri virus che normalmente circolano nella popolazione. L’idea generale, d’altra parte, è una completa mancanza di immunità contro i coronavirus, un’idea che è chiaramente sbagliata “.

READ  Freddo anormale in Europa, gelo negli Stati Uniti. Il riscaldamento globale è scomparso?

© PRENOTAZIONE DI TESTI, FOTO E VIDEO

13 novembre 2020

Written By
More from Rocco Miniati

Superbonus 110%, quali sono i costi massimi da considerare?

13.10.2020 – Prezzi di riferimento per attività di traino e rimorchio che...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *