Riunione dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai: il Gruppo di Shanghai accetta la Bielorussia come nuovo membro

Al: 4 luglio 2024 alle 12:04

L'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai ha accolto la Bielorussia come nuovo membro. Anche i presidenti di Cina e Russia si sono incontrati per colloqui al vertice del round dei paesi amici di Mosca in Kazakistan.

La Bielorussia è diventata ufficialmente un nuovo membro dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, istituita per affrontare le questioni di sicurezza internazionale. Il presidente russo Vladimir Putin, il leader del partito e dello stato cinese Xi Jinping e altri leader hanno firmato i documenti che accettano lo stato autoritario al vertice dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai nella capitale del Kazakistan, Astana.

Il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev, che quest'anno presiede l'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, si è congratulato con il leader bielorusso Alexander Lukashenko, considerato l'ultimo dittatore in Europa.

Mosca: colloqui con la Cina “molto riusciti”

Putin ha già avuto colloqui con diversi capi di Stato, tra cui Xi, dopo il suo arrivo ad Astana mercoledì. Secondo la televisione statale cinese, Xi ha assicurato ancora una volta a Putin durante l'incontro bilaterale che continuerà a lavorare per una soluzione pacifica alla guerra della Russia contro l'Ucraina. Allo stesso tempo, ha riaffermato la cooperazione con la Russia.

Al vertice, Xi ha anche invitato i membri dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai a scongiurare le “interferenze esterne”: “Dati i rischi reali legati alla protezione delle piccole aziende agricole con recinzioni elevate, dobbiamo proteggere il diritto allo sviluppo”, ha riferito la televisione di stato cinese CCTV. discorso al vertice. Sta dicendo. Sembrava alludere al dilagare del protezionismo nei confronti della Cina, anche da parte dei Paesi occidentali.

READ  Elezioni USA, Arizona: "Biden vince qui"

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha descritto i colloqui con la Cina come un grande successo. Peskov ha dichiarato alla televisione di Stato russa che le due parti concordano sul fatto che i negoziati sul conflitto sull'Ucraina non hanno senso senza la Russia. La Russia non è stata recentemente invitata a partecipare al vertice di pace avviato dall'Ucraina in Svizzera a metà giugno. Anche la Cina, che ha presentato il proprio piano di pace per porre fine alla guerra, si è tenuta lontana dall'incontro.

Putin sognava un nuovo ordine mondiale

Secondo il Cremlino, Putin ha discusso della sua guerra ad Astana anche con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan, che funge più volte da mediatore. Erdogan ha ripetuto l'invito a Putin a visitare la Turchia. La Turchia non è ancora membro dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai.

Nel contesto della guerra contro l’Ucraina, Putin ha più volte dichiarato che, alla luce delle tensioni con l’Occidente, sta cercando di instaurare un nuovo ordine mondiale, senza che gli Stati Uniti svolgano un ruolo dominante. Dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, fondata nel 2001 per combattere il terrorismo, fanno parte anche l'India, il Pakistan, l'Iran e i paesi dell'Asia centrale Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan.

Nel gruppo favorevole alla Russia, è improbabile che Putin ascolti molte critiche nei confronti del suo attacco all’Ucraina. Il primo ministro indiano Narendra Modi non parteciperà al vertice, secondo il Cremlino, ma vorrebbe visitare successivamente la Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto