RISCALDAMENTO GLOBALE? È diventato un fenomeno mediatico solo dal 1988!

L’estate del 1988 negli Stati Uniti è diventata il trampolino di lancio per tutte le discussioni sull’effetto serra. Diamo un’occhiata a cosa è successo in questa stagione calda, secondo il rispettato climatologo Stephen Schneider. “Condizioni meteorologiche rare e anormali si sono verificate a maggio e giugno 1988. Di solito una corrente a getto, un grande fiume atmosferico alto 5 miglia, dirige direttamente i temporali lungo il settore centrale degli Stati Uniti, costringendoli a vagare da posizioni solitamente situate nel sud della California e spostandoli in direzione del Midwest, fino al New England.

Ma quella primavera la corrente a getto si è divisa in due: la mano debole è andata nel sud della California e lungo il nord del Messico, e la più forte – in Canada, rendendo le tempeste un diversivo dalla grande pozza degli Stati Uniti.

Data l’elevata intensità della luce solare a maggio e giugno e la relativa assenza di nuvole e pioggia, la siccità e il caldo hanno cominciato a interessarsi in tutto il paese.

Poiché la California settentrionale in molte parti della California occidentale e il bacino del fiume Missouri erano già più aridi del solito, si era capito che stava per verificarsi un disastro. Le colture appena piantate sono appassite, il Mississippi è sceso a minimi storici ei media hanno pubblicato centinaia di rapporti sull’effetto serra filtrato per anni. Crepe nel terreno, piante marcite, termometro fermato a 38 ° C, 100 ° F. Ma solo quando il baseball si è fermato le persone si sono rese conto che l’emergenza era davvero grave.

A Chicago si è svolta una partita importante e, nonostante la grave siccità, i responsabili dell’impianto sono riusciti a mantenere verde il campo di gioco. All’improvviso ci fu una nebbia che non si vedeva da decenni. Il gioco è stato interrotto. Quello che è successo a Chicago è iniziato a mille miglia dagli incendi fulminanti di alcune celle temporalesche sul Saskatchewan, dove tre settimane di caldo intenso hanno seguito una primavera molto secca, e un debole fronte freddo al posto della pioggia ha portato a un numero esagerato di scosse elettriche.

READ  Le previsioni del tempo hanno confermato l'ondata di freddo invernale nella seconda decade di novembre

Ma questa non è la fine della questione. New York era come una matta dopo aver resistito a una temperatura di 35 ° C per 12 giorni consecutivi. Ruscelli d’acqua sgorgavano dalle strade, uscendo dalle bocche di impianti antincendio utilizzati illegalmente. La concentrazione di ozono nocivo ha battuto tutti i record.

Seicento sono state le vittime direttamente attribuite all’ondata di caldo. L’uragano “George” ha fermato la siccità, ma ha causato danni devastanti. Si è quindi deciso di adottare la “legge dell’atmosfera”.

Written By
More from Rocco Miniati

Superbonus 110%, raddoppia il costo del fotovoltaico

L’installazione di impianti solari fotovoltaici con (simultaneo o successivo) montaggio di sistemi...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *