Renault spiega il rifiuto del congelamento anticipato – team F1 – Formula 1

Dopo la decisione della Ferrari di schierarsi accanto a Mercedes e Red Bull il giorno prima congelamento delle attuali unità di potenza alla fine del 2021il team anglo-austriaco ha tirato un sospiro di sollievo, vedendo all’orizzonte un’opportunità concreta per continuare a utilizzare i motori Honda anche dopo l’uscita della casa giapponese. L’unico ingegnere che rimane contro a questa decisione è Renault, fermo nelle sue posizioni e poco incline a fare il favore ai vecchi amici della Red Bull dopo una tumultuosa separazione alla fine del 2018.

Mark: “Il congelamento dei motori non è un ricatto”

L’azienda francese – completamente infastidito dal comportamento degli anglo-austriaci, soprattutto dopo l’ultimo inverno – in piena pandemia – hanno rifiutato un’offerta simile, convinti di poter sfruttare appieno i progressi del motore Honda. La Renault era effettivamente pronta al congelamento, ma ha dovuto adeguarsi alla decisione della maggioranza, elaborando un diverso corso degli eventi per i prossimi due anni, guidati dalla dittatura normativa, che attualmente prevede un “congelamento” a metà del 2022. la posizione era CEO di Renault F1, Martin Budkowski: “È troppo tardi ora. Abbiamo investito tempo e denaro nello sviluppo futuro del motore. Ora hanno completamente cambiato idea, è interessante“, – ha detto il manager polacco con amarezza.

READ  Tutto è cambiato

Nevio Udinesi

"Amico degli animali ovunque. Giocatore sottilmente affascinante. Piantagrane certificato. Professionista televisivo. Lettore. Ninja alcolico."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *