Questo caffè è stato nominato per il Premio Nobel per la Fisica

Questo caffè è stato nominato per il Premio Nobel per la Fisica

È sempre bello incontrare qualcuno che sai essere ricompensato premio Nobel. Durante la mia (breve) carriera di fisico, ho avuto la fortuna e l’onore di incontrare due vincitori del Premio Nobel per la fisica. Alla fine del 2017, nella magnifica cornice del Perimeter Institute for Theoretical Physics in Canada, ho stretto la mano e mi sono presentato a Reisner Weiss. Pochi mesi prima, il simpatico ed eccezionale oratore Weiss aveva ricevuto l’ambito premio insieme a Thorne e Barysh per essere stato il padre dell’esperimento che per primo misurava le onde gravitazionali. Non si ricorda quasi di me, uno studente di dottorato in Canada che cercava un dottorato, ma gli ho stretto la mano. Anche qualche anno prima Marsiglia, l’inflessibile Gerard t’Hoft, vincitore del Premio Nobel per la Fisica nel 1999, è stato invitato insieme a Veltman a tenere un seminario all’università sul lavoro sulla forza debole. In questo caso, non solo gli ho stretto la mano e mi sono presentato, ma al seminario ho posto una domanda che suonava più o meno come “ma quello che dici non ha senso”, con la piuma finale, un modo di recitare tipicamente francese che Io stesso l’ho fatto mio negli anni in cui vivevo nel sud Francia. La bellezza del mondo della fisica teorica è che il premio Nobel prende sul serio anche uno studente laureato sconosciuto con un accento italiano e un’espressione francese. La sua risposta non mi ha soddisfatto affatto, e la discussione amichevole ma accesa è durata a lungo, arricchita dalla presenza di altri stakeholder davanti al buffet dopo il seminario. Né l’uno né l’altro riuscirono a convincere. È più probabile che alla fine abbia ragione. O forse no. È molto più probabile che nessuno di loro abbia ragione e sia la soluzione al problema che ossessiona fisico teorici dal 1976 non avrà nulla a che fare con l’oggetto della nostra discussione.

READ  È stata identificata la causa principale del diabete

È sempre bello incontrare qualcuno che sai essere ricompensato premio Nobel. Tuttavia, è ancora più bello incontrare e offrire il caffè al proprio idolo (scientificamente parlando), che, secondo voi, merita il Premio Nobel molto più di tanti che l’hanno ricevuto, e che lo vincerà effettivamente tra pochi anni. Sto parlando del signore Roger Penrose, fresco del Premio Nobel per la Fisica 2020 per il suo lavoro negli anni ’60 sulle caratteristiche dello spazio-tempo. Sono quei lavori da cui, oltre a un numero enorme di articoli e idee scientifiche, è nata la mia modesta tesi-tesi sulla fisica teorica, su cui ho lavorato a Marsiglia in un gruppo Carl Ravelli quando Penrose ha visitato il nostro gruppo. Ricordo di non aver capito niente del seminario che tenne. Non perché non sia un buon oratore, ma al contrario. Le sue trasparenze dipinte e colorate sono conosciute in tutto il mondo scientifico e non solo. Ma perché stava parlando di colpi di scena e concetti matematici troppo complessi per la mente di un povero studente che aveva studiato i teoremi di Penrose mesi prima e ora li affrontava. Anche se parlava di Vespa e Lambretta, probabilmente non avrei capito, intendendo fargli una foto, cercando di non farmi vedere. Nel gruppo Marsiglia esisteva e c’è l’usanza di organizzare seminari all’ora di pranzo. Li chiamiamo “la cena della relatività” e possono essere citati come segue: uno parla e tutti gli altri mangiano. È chiaro che Penrose non è stato risparmiato. Il suo panino, acquistato in una cabina fuori dal CPT (Centre de Physique Théorique), giaceva inosservato sul tavolo e un bellissimo ottantenne ha cercato di arrivare alla fine del seminario, rispondendo in modo chiaro e preciso alle domande di cui era sopraffatto (o giù di lì). hanno detto: ricordi? non ho capito niente). A partire da mezzogiorno, alle tre il povero sfortunato stava ancora parlando senza toccare il cibo, finché, scusandosi, finalmente si sedette e prese il detto (freddo) panino. Quando poi, dopo un estenuante seminario, dal portafoglio di Penrose sono usciti solo pochi lire, ho preso la palla e mi sono offerto di offrirgli il caffè. L’abbiamo bevuta velocemente, godendoci il caldo ventoso molto soleggiato del Kalanka National Park, dove corre il checkpoint. Devo presentarmi e parlare brevemente di ciò su cui stavo lavorando. Sembrava interessato, e questo mi bastava. Quanto a Weiss, non si ricorderà di me, ma è sempre bello incontrarsi e offrirsi caffè alla persona che riceverà il premio Nobel.

READ  Cancro alla prostata - L'HPV può causare il cancro alla prostata - nuove scoperte

Chissà, tra l’altro, che fine ha fatto il cartellone pubblicitario del suo seminario pubblico, che ho raccolto il coraggio di chiedermi di fare un autografo, perso durante i traslochi intercontinentali negli anni successivi. Forse dovresti andare a cercarla adesso, quando Sir Roger Penrose, come si dice in lui, tale Oxford, un “Premio Nobel”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News