“Questa è la prima pandemia che la scienza è riuscita a contenere” – Corriere.it

Prima di tutto, vorrei ringraziarvi per aver partecipato virtualmente all’inaugurazione del 418 ° anno accademicoLyceum National Academy. Benvenuti a tutti voi. Vorrei anche ringraziare il Presidente Giuseppe Conte, che, non potendo partecipare, ci ha inviato una simpaticissima lettera citandolo: “È un piacere e un onore per me poter contattare lei e un’istituzione così prestigiosa come l’Accademia dei Lincei, che ringrazia la sua continua attività è un punto di riferimento costante per la ricerca scientifica e la divulgazione del patrimonio storico e culturale del Paese ”. E il presidente Fico, che ci ha dato, suo sponsor, il patrocinio della Camera dei Deputati.

L’inaugurazione di quest’anno è molto diversa dalla solitama la salute è molto importante in questo periodo difficile, che spero finisca presto. Siamo in una situazione drammatica, e in molte parti d’Italia la criticità è in aumento. A marzo, quando tutto il paese entrava nel castello nazionale, le morti giornaliere erano circa centocinquanta, ora ne abbiamo superate le seicento, e possiamo solo sperare di non superare le mille. Nel Lazio, dove ha sede l’Accademia, il numero di decessi è quadruplicato a fine marzo, il numero di persone con malattie attive è lo stesso di fine marzo. Siamo nel bel mezzo di una seconda ondata che potrebbe essere ancora più grave e dolorosa della prima. Dobbiamo uscire da questo incubo il prima possibile, cercando il meno possibile di danneggiare l’educazione delle nuove generazioni, che è il bene principale. Anche se le misure di contenimento sono meno severe rispetto alla primavera dello scorso anno, è necessario che tutte le istituzioni, le attività produttive, le persone svolgano le loro mansioni e facciano di tutto per ridurre i contatti tra le persone per fermare il contagio. Il futuro è nelle nostre mani: dobbiamo contribuire tutti.

L’Accademia vuole dare il buon esempio: È per questo motivo che l’inaugurazione dell’Anno Accademico avviene in forma strettamente telematica, e in questo momento parlo davanti a un centinaio di sedie vuote in una grande stanza, guardando l’obiettivo freddo e silenzioso della telecamera. Anche se non li vedo, vorrei ringraziare tutti i membri per tutti i loro sforzi per gestire la nostra casa comune. (…) Negli ultimi anni abbiamo subito molte riduzioni di personale, che stiamo iniziando a colmare: ci sono gare per 6 unità.

L’accademia lavora solo sull’immensa devozione di ciascuno: dedizione che ci permette di non sentire gli effetti della carenza di personale. Grazie a tutti, ai miei e ai membri. Questa gratitudine è particolarmente intensa nell’anno in cui abbiamo avuto grande cura di gestire le mostre di Leonardo, che si sono svolte fino al 12 gennaio 2020. Con mostre e convegni dedicati a Leonardo da Vinci, ha aperto l’Accademia Nazionale dei Lincei “Trittico dell’ingegno italiano 2019-2021” , una serie di iniziative con cui Lincey ha voluto celebrare in un unico modo i secoli di Leonardo (2019), Raffaello (2020) e Dante (2021).

READ  ESA, fibra naturale al posto del carbonio per i nuovi satelliti

Con la fine del blocco e l’emergenza sanitaria Covid-19L’Accademia Nazionale dei Lincei ha rilanciato iniziative già programmate per celebrare gli anniversari di Raffaello e Dante. Il progetto attualmente in corso comprendeva: una mostra di Raffaello a Villa Farnesina: Galatea e Psiche, a cura di Antonio Sgamelotti, che purtroppo abbiamo dovuto sospendere anticipatamente, a parte Raffaello, e antiche mostre a Villa Agustín Chiga (a cura di Alessandro Barca Tsuca ), Ricezione della commedia dai manoscritti ai media (curatori Roberto Antonelli e Luca Seriani), Biblioteca Dante Roberto Antonelli, che si terrà in date compatibili con la futura situazione sanitaria (…)

L’Accademia ha partecipato all’incontro annuale accademie scientifiche dei paesi del G20 (S20, o Science 20), organizzate quest’anno dall’Arabia Saudita (…). Prende vita la preparazione dell’S20, che la nostra Accademia organizzerà nel settembre 2021 in concomitanza con la presidenza italiana del vertice politico e istituzionale del G20. L’argomento scelto sarà “Prepararsi a una pandemia”, un problema che purtroppo molti governi non hanno affrontato adeguatamente negli ultimi anni. Ora sappiamo che arriverà un’altra pandemia. Cosa dovremmo fare per evitare l’impreparazione? Cosa dovrebbe fare la scienza per prepararsi a una pandemia e cosa dovrebbero fare i governi per aiutare la scienza a muoversi in quella direzione?

Possono essere offerti a livello globale programmi scientifici volti alla preparazione alla pandemia, ma quali? Da una breve distanza, è chiaro che l’incapacità di sviluppare e testare un vaccino contro la SARS in stadio I / II e non fare praticamente nulla per il vaccino MERS è diventata una grave lacuna che ha fatto perdere tempo prezioso. Dobbiamo capire quali sono le direzioni più promettenti verso il futuro.

Anche l’Accademia ha preso una decisione per la prima volta affianca alla S20 la SSH20 (Scienze sociali e umanistiche), confermandone la vocazione interdisciplinare. Accademie invitate dai paesi del G20. L’incontro verterà sul concetto di crisi sotto molti aspetti (economia, società, diritto e cultura). La parola crisi è usata in molti contesti: migrazione su larga scala, questioni etiche della scienza e della tecnologia, esaurimento delle risorse naturali e cambiamento climatico, per non parlare della crisi finanziaria ed economica, che ha avuto un forte impatto sul reddito e sull’occupazione. Stiamo affrontando rapidi cambiamenti e gli schemi mentali sviluppati in passato, quando l’intervento umano ha avuto scarso impatto sull’ambiente, devono essere aggiornati man mano che la nostra impronta ecologica sul pianeta cresce.

Un’accademia come la nostra, che mira a promuovere, coordinare, integrare e diffondere la conoscenza scientifica nei termini più alti all’interno dell’unità e dell’universalità della cultura, non può rimanere indifferente al tremendo interesse della società in continua crescita per la scienza e le ultime notizie scientifiche. Lavori con un interesse scientifico relativamente scarso sono apparsi sulle prime pagine dei giornali, i presidenti delle grandi potenze hanno commentato i risultati delle sperimentazioni cliniche a favore di nuove cure, eravamo circondati da talk show che discutevano di sottili problemi scientifici, discussioni infinite sui social network, che consideravano delicati questioni epidemiologiche e probabilità condizionate.

sonoIl motivo era chiaro: era chiaro a tutti che la scienza era essenziale per porre fine all’epidemia. La luce e il beneficio della scienza ricercata da Galileo non erano più nel futuro incerto, ma per l’oggi o, al massimo, per il domani.

La pandemia di Covid-19 è arrivata in un momento storico che in molti paesi ha permesso di combatterlo senza le conseguenze disastrose che si sono verificate in altri paesi. Certo, non tutti i paesi hanno sofferto lo stesso: il mio pensiero va con grande tristezza al Perù, il paese invisibile di Garabamba, dove quest’anno il numero di morti è stato quasi il doppio rispetto allo scorso anno. . Una tragedia enorme che, se fosse accaduta in Italia, avrebbe provocato mezzo milione di morti. Quando tutto sarà finito, affrontare la storia di questa epidemia e individuare le cause profonde di queste perdite sarà deciso da noi, comunità scientifica, storici, economisti, sociologi: comprendere la storia, anche recente, può permetterci di ripercorrere gli stessi errori del passato.

La scienza moderna ci ha permesso per la prima volta nella storia umana frenare lo sviluppo di una pandemia prima di un’espansione incontrollata. Solo 30 anni fa questo non solo sarebbe stato possibile, ma nemmeno possibile. Uno strumento fondamentale per contenere la pandemia durante e dopo il blocco è stata la capacità di identificare i malati, eseguire test e metterli in quarantena – test impensabili 30 anni fa e ai margini della moderna tecnologia. Forse anche 10 anni fa era impossibile usarli in modo così massiccio.

Ma la scienza ha svolto un ruolo ancora più importante: La linea strategica scelta è stata molto chiara: contenere l’epidemia con misure drastiche che possono essere sostenute economicamente solo un periodo relativamente breve prima del vaccino.Senza la speranza di una rapida introduzione del vaccino, la strategia sarebbe completamente diversa. Ci volevano dieci anni per ottenere il vaccino. Questa settimana abbiamo avuto due grandi novità: il vaccino funziona e ci sono anticorpi monoclonali che in una grande percentuale di casi possono bloccare la progressione della malattia. Le speranze non erano infondate.

Ma questo interesse per la scienza ha avuto conseguenze non intenzionali. Molte persone si sono vergognate di vedere importanti studiosi litigare con la stessa ferocia dei politici di partiti diversi. Questa sorpresa è anche dovuta alla mancanza di comprensione del meccanismo di formazione del consenso scientifico. Quando sorge un fatto nuovo, studiosi diversi offrono interpretazioni diverse. Lavorando lentamente, provando e riprovando, come diceva il nostro grande partner Galileo Galilei, accrescendo la conoscenza con nuovi dati, con nuovi esperimenti, attorno ad una delle interpretazioni proposte si sta lentamente formando un consenso. In alcuni casi estremi, è stato un processo molto lento: Max Planck ha scritto che le nuove idee vengono approvate non perché gli avversari siano convinti, ma perché gli avversari muoiono e lasciano spazio a sostenitori di nuove idee.

In un momento in cui la scienza televisiva sembra indecisa, il ruolo delle accademie sta diventando sempre più importante sia per raggiungere il consenso il più rapidamente possibile sia per diffondere il consenso tra il pubblico. Le accademie hanno un enorme prestigio accumulato nei secoli, e il loro intervento può avere un grande impatto: grazie alla loro grande autorevolezza, possono diventare protagoniste di riflessioni che raggiungono un vasto pubblico, e dovrebbero essere in grado di influenzare società e istituzioni, anche la presenza di interessi industriali. che può muoversi nella direzione opposta. In quanto accademia, abbiamo il dovere di promuovere una cultura “basata sui fatti” e di prevenire la diffusione della pseudoscienza e fare scelte sbagliate. Non basta capire, trovare un modo, ma è necessario saper comunicare, spiegare non solo i risultati ma anche la metodologia per essere sicuri a lungo.

Ci sono molte altre domande a cui vorrei risponderema irreparabile fugit tempus. In conclusione, sono fiducioso che, anche con l’aiuto di tutti voi, l’Accademia dei Lincey risolverà i difficili compiti che l’attendono. In segno di gratitudine, lascia che ti trasmetta i miei migliori auguri di salute

13 novembre 2020 (modifica il 13 novembre 2020 | 21:30)

© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

Written By
More from Rocco Miniati

va presa a tempo indeterminato – Corriere.it

All’improvviso l’applicazione, che riceve le notifiche con gli indirizzi di consegna dei...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *