QUESTA È LA PEGGIORE DIFESA CONTRO LA TORNATA IN SERIE A

Beppe Iachini, anche nella partita dopo una sconfitta fallita a Roma, ha voluto ripetere con insistenza per diversi mesi le sue convinzioni: “La nostra, nello scorso campionato, è stata la miglior difesa del post blocco”. E infatti, i numeri alla mano, è impossibile biasimarlo. Così come è inevitabile studiare la performance Caceres e satelliti oggi, dopo i primi sei round. Con le reti Spinaci è Pedro, i bersagli che Dragowski ha segnato (e per fortuna era lì) sono saliti a dodici, rimanendo così in misura media perfetta rispetto all’inizio di questa stagione: 2 gol di media subiti a partita. Esponenzialmente alto, che oltre al fatto che la “Fiorentina” sta diventando una delle retroguardie più deboli del torneo, getta indubbiamente un cross su tutto il reparto rispetto agli ultimi diciassette campionati in cui ha giocato la viola, ovvero quelli tornati in “A” fino ad oggi.

PROTEZIONE DEL CALABRODO – Buono dodici gol subiti in sei turni, uno, compilato da Milenkovich e altri, – secondo la performance – la peggiore difesa nella storia recente della Fiorentina, dall’ascesa nel 2004 ai giorni nostri. Infatti, anche nelle stagioni più dure e ovviamente con formazioni modeste, il terzino non ha mai avuto una partenza così lenta. Nel primo anno dopo la Serie B, infatti, i gol nel passivo dopo sei turni erano solo 4, e nell’enorme Mikhailovich (da giugno 2010 a novembre 2011) i goal raccolti sono stati 7 e 4. Per trovare un numero simile – seppur inferiore – a quello attuale, bisogna passare all’ultimo campionato, se la difesa per ordine Mantel dopo le partite con Napoli (4 gol), Genoa (2), Juventus (0), Atalanta (2), Sampdoria (1) e Milan (1) subite 10 gol, ma c’era un altro punto in classifica rispetto all’attuale Viola (8 invece di 7).

READ  Mancini: la Juve è la favorita dello "scudetto"

CHAMAZI IN MANI – Difficile credere che questo modesto risultato sia frutto di un repentino deterioramento tecnico del terzetto difensivo, visto che tutti i componenti della linea davanti a Dragowski (compreso il portiere e l’unico sopravvissuto) fanno parte delle nazionali di riferimento: “Cacheres” è una colonna dell’Uruguay , proprio come c’è Milenkovich Serbia e Ape con (più recentemente) Martinez mercoledì Argentina. Allora qual è il motivo? Decisamente infortunio capitano prolungato punito non solo dalla stabilità dell’intera ambientazione, ma dal fatto già giocando con le valigie in mano può allentare la tensione dei giocatori durante la partita da domenica a domenica: Milenkovich Il 99% non rinnova il contratto, Caceres scade ancora a giugno Ape in estate era vicino alla cessione, e la Fiorentina non sembrava voler iniziare un discorso per stringere. Sicuramente non è il modo migliore per iniziare una nuova stagione. E i risultati, per lo più disastrosi, si possono vedere sul campo.

Scopo in cui dubiti della Fiorentina 6 giorni dopo il ritorno in A fino ad oggi:

Stagione 2004-2005 dopo 6 partite: 4 gol subiti
Stagione 2005-2006 dopo 6 partite: 9 gol subiti
Stagione 2006-2007 dopo 6 partite: 6 gol subiti
Stagione 2007-2008 dopo 6 partite: 6 gol subiti
Stagione 2008-2009 dopo 6 partite: 6 gol subiti
Stagione 2009-2010 dopo 6 partite: 4 gol subiti
Stagione 2010-2011 dopo 6 partite: 7 gol subiti
Stagione 2011-2012 dopo 6 partite: 4 gol subiti
Stagione 2012-2013 dopo 6 partite: 6 gol subiti
Stagione 2013-2014 dopo 6 partite: 8 gol subiti
Stagione 2014-2015 dopo 6 partite: 3 gol subiti
Stagione 2015-2016 dopo 6 partite: 4 gol subiti
Stagione 2016-2017 dopo 6 partite: 5 gol subiti
Stagione 2017-2018 dopo 6 partite: 8 gol subiti
Stagione 2018-2019 dopo 6 partite: 5 gol subiti
Stagione 2019-2020 dopo 6 partite: 10 gol subiti
Stagione 2020-2021 dopo 6 partite: 12 gol subiti

READ  Lo Schalke 04 vuole rinunciare ad Ahmed Kutucu: interessati i club di Italia e Turchia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto