“Quelle serate in trattoria che raccontano barzellette fino alle tre di sera” – Corriere.it

“Ho molti ricordi, abbiamo fatto molto insieme. Sono preoccupato, molto preoccupato. Sapevo che era malato da tempo … “. Pipa Bauda la sua voce è rotta, stanca. Con la morte di Gigi Praetti scomparve anche un pezzo di giovinezza. “Era un grande artista, un grande amico, un grande maestro: era tutto, comune, un grande attore, di pazza grandezza”.

Qual è il primo ricordo che mi viene in mente?
“È meglio dire come Gigi è nato artisticamente. Era il 1970 e Gariney e Giovanni stavano provando Alleluia brave persone con Rachel e Modugno. Ad un certo punto Rachel ha litigato con Modugno, che ha deciso di lasciare lo spettacolo. Fallo “, ha detto. Rachel era felice di essere lasciata senza un concorrente che lo oscurasse. Al posto di Modugno, hanno invitato questo giovane attore, che ha fatto molti spettacoli famosi al Teatro delle Muse di Roma. Rostel lo prese subito, pensando di mangiare. Ma quando è salito sul palco per la prima volta, ci siamo resi conto tutti che il capo assoluto del palco era questo nuovo arrivato, questo nuovo arrivato. Subito dopo lo spettacolo sono andato in camerino e l’ho portato da me Canzonissima».

È subito chiaro che si trova su un altro livello …
“Gigi è venuto tra una settimana e un giorno libero, alternando nientemeno che a Monica Viti. Quali tempi, quali artisti, quali eroi “.

Se potessi riassumere tutta la sua sconfinata abilità?
«I miei occhi, per favore è stato il grande successo di Gigi e ha riassunto tutto il suo talento. Era uno spettacolo di tre ore, una sul palco, un monologo continuo in cui cantava, faceva sorridere, piangeva, sapeva coniugare classico e luce. Aveva capacità tecniche ma anche fisiche eccezionali. E poi, come raccontava le barzellette, nessuno. Nessuno. Ogni battuta era una commedia. “

READ  Ex Michelle Hunziker: L'amore finisce con il Dr. Adoro Giovanni Angiolini | divertimento

Uno straordinario talento infinito che ti ha colpito di più tra i tanti assi?
“Abilità vocali. La voce di Proietti faceva quello che voleva. È stato stupefacente. Un vero camaleonte. Non ci sarà più Praetti “.

Era un talento che non condivideva. Amato da tutti.
“Era adorato dal pubblico. Probabilmente perché tutti hanno capito che si trattava di un uomo di eccezionale abilità. Ci chiedevamo come potesse fare tutto così bene. Uno era sbalordito dalla sua classe e dalla sua abilità. Siamo rimasti senza parole “.

Enorme. Tuttavia il fatto di essere Gigi Praetti non aveva importanza …
“Invano. Penso che conoscesse le proprie capacità, ma non gli ha mai fatto pesare le relazioni interpersonali. Era quasi modesto.”

Cosa hai visto dalla tua vita personale?
“Un rapporto di grande amore con le figlie. Li amava con amore incondizionato “.

Ti sei visto anche dal palco …
“Dopo le sue rappresentazioni teatrali, andavamo spesso a mangiare nella trattoria toscana di piazza Barberini. E lì iniziò a raccontare barzellette fino alle tre del mattino. Era un artista nato. Teatrale classico. Non ci sarà più Praetti “.

Morte di Gigi Proietti

2 novembre 2020 (modifica il 2 novembre 2020 | 14:22)

© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto