Quasi una collisione di due oggetti in orbita – AstronautiNEWS

Quasi una collisione di due oggetti in orbita – AstronautiNEWS

Chi ci conosce e ci segue da tempo sa bene che non amiamo il sensazionalismo, ma questa volta sembra che siamo davvero vicini a una grande collisione di due oggetti in orbita.

Pochi giorni fa due grandi rottami orbitali, un satellite di navigazione satellitare sovietico obsoleto e uno stadio di razzo cinese (CZ-4C R / B – Marcia lunga 4C), ha letteralmente sorvolato l’Atlantico meridionale.

La compagnia californiana LeoLabs ha segnalato un probabile incidente poche ore prima dell’evento, previsto alle 12.56 GMT del 16 ottobre, quando due disastri spaziali sono volati a un’altitudine di 991 km al largo della costa. costa dell’Antartide.

Durante l’analisi condotta da LeoLabs, è stato riscontrato che i due oggetti potevano toccarsi a una distanza di soli 25 metri con un margine di tolleranza di ± 18 metri: cifre che non escludevano l’incidente. LeoLabs ha infatti calcolato che la probabilità di scontro è superiore al 10%, ma un’indagine dopo l’incontro ha mostrato che lo scenario da incubo, fortunatamente, non si è verificato.

“Non ci sono segni di collisione. Il CZ-4C R / B ha trasmesso il radar spaziale LeoWa Kiwi 10 minuti dopo il TCA (È ora di un approccio più ravvicinato – il momento di massima prossimità). I nostri dati mostrano un solo oggetto, come avevamo sperato, senza segni di detriti. Monitoreremo la struttura nei prossimi giorni su Medium e condurremo una valutazione approfondita del rischio “. Questo messaggio LeoLabs ha pubblicato su Twitter giovedì sera (CZ-4C R / B – scafo del razzo cinese, Kiwi Space Radar – array di tracciamento della compagnia in Nuova Zelanda).

Lo “scenario da incubo” non è affatto un’esagerazione. Il satellite russo non più attivo e il sistema missilistico cinese hanno una massa totale di circa 2.800 kg. I due oggetti avevano una rotta di avvicinamento che poteva spostarli l’uno verso l’altro a una velocità relativa di 52.950 km / h, quindi la collisione sarebbe stata incredibilmente devastante e avrebbe creato un’enorme nuvola di detriti.

READ  MISTERIOSI fili bianchi visti nel CIELO di tutta Italia, ma COS'È? Questa è la verità "ILMETEO.it

Una collisione tra i due oggetti comporterebbe probabilmente un “aumento significativo (dal 10 al 20 percento) della quantità di detriti in LEO, nell’orbita terrestre bassa”, un’area in cui i detriti sono già significativi, ha detto l’astronomo e localizzatore satellitare Jonathan. McDowell, che collabora con l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics. La quantità di detriti spaziali in orbita è in costante aumento. Gli scienziati stimano la presenza di circa 34.000 oggetti più grandi di 10 cm Ci sono probabilmente circa 900.000 oggetti orbitali di dimensioni comprese tra 1 e 10 cm e 128 milioni con dimensioni comprese tra 1 mm e 1 cm.

È importante che, data l’alta velocità, anche le particelle più piccole possano causare danni significativi al satellite in caso di collisione. Come esempio Stazione Spaziale Internazionaleche ruota ad un’altitudine di circa 400 km, solo nel 2020 ha dovuto apportare modifiche, ovviamente, tre volte per evitare possibili collisioni con questo spazio “spazzatura” di oggetti che si muovono ad una velocità di circa 28.000 km / h.

Le collisioni orbitali non sono solo oggetto di film di fantascienza Gravità. Ad esempio, nel 2009 un satellite militare russo inesistente “Space 2251” si è schiantato contro un satellite per le comunicazioni. Iridio 33 sono ancora in funzione, formando 1.800 pezzi di detriti che perdono e molti altri, troppo piccoli per essere tracciati.

Oltre alle collisioni accidentali, vi hanno preso parte anche gli esseri umani, creando deliberatamente nuvole di detriti per due volte, in particolare durante i test della tecnologia anti-satellite condotti nel 2007 e nel 2019 rispettivamente da Cina e India.

la quantità di detriti in orbita è un problema che peggiorerà in futuro, visti i continui lanci, trend in accelerazione per la continua riduzione dei costi sia per il lancio che per lo sviluppo dei satelliti. Gli esperti ritengono che il problema potrebbe sfuggire al controllo, minacciando seriamente il volo spaziale e le operazioni di ricerca.

Qualche soluzione per migliorare il monitoraggio dei detriti spaziali è già in corso, mentre sono allo studio ipotesi per ridurre la produzione di detriti spaziali.

Sono stati proposti molti metodi per pulire lo spazio, tra cui uno basato sullo stesso fenomeno fisico che sta alla base degli esperimenti legato, ma la pulizia degli spazi è un’operazione che attualmente ha aspetti intrattabili. Ad esempio, l’ESA rientra nei satelliti alla fine della loro vita di servizio, provocandone la distruzione al contatto con l’atmosfera. Oppure è sicuro che li spingerà a orbite molto alte per “liberare” la strada per altri satelliti. Sarebbe necessario convincere tutti gli stati di comportamento “ambientale” e in relazione allo spazio.

Un’altra possibile soluzione è svuotare sistematicamente i serbatoi missilistici non appena fanno il loro lavoro. Questo è importante per ridurre al minimo le conseguenze in caso di impatto e quindi ridurre la quantità di detriti spaziali.

Fonte: Leolabs

Scopri di più su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti di questa notizia sono disponibili all’indirizzo ForumAstronautico.it

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News