Quanto costa un migliaio di vecchie lire? Sono migliaia di euro

Trovi nei cassetti vecchie mille lire? Controlla se ce ne sono di rari, perché possono costare fino a mille euro. Il costo dipende dall’anno in cui sono state coniate, ma anche dalle condizioni in cui è stata conservata la banconota. Per scoprire se hai mille lire, che ti possono portare qualche migliaio di euro, devi fare attenzione all’anno di emissione, ma anche al numero di serie e alla firma.

Se hai mille lire con l’immagine di Maria Montessori, coniate nel 1995 e con la firma di Facio e Special, devi controllare subito i numeri di serie. Partendo da XC A, infatti, il valore di queste banconote si aggira intorno ai 200 euro. Se il numero di serie inizia con X, il loro valore viene dimezzato.

Attenzione però se possiedi monete d’argento da 1.000 lire, coniate nel 1970. Infatti, queste monete sono state prodotte in un’edizione limitata di 2.500 pezzi. Anche le monete materiali venivano coniate insieme. Una moneta d’argento da mille lire, coniata nell’anno in cui ha la prova scritta, è quella di valore più alto. infatti il ​​suo costo può variare dai 500 ai 700 euro. Inoltre, se la moneta è in perfette condizioni, il suo valore può raggiungere migliaia di euro.

Quanto costa un migliaio di vecchie lire?

La prima banconota da 1.000 lire, emessa dalla Banca d’Italia, risale al dicembre 1897 e fu battezzata dal grande M. Successivamente è stata realizzata una seconda versione dedicata alla Regina del Mare. Negli anni ’70 iniziarono a circolare anche monete da 1.000 lire. Di norma si tratta di monete commemorative coniate in occasione del 100 ° anniversario della proclamazione di Roma Capitale. Il valore di queste monete è di una ventina di euro. Altra cosa sono le mille lire in argento, che, come abbiamo spiegato sopra, costano molto di più.

READ  Bonus su PC 500 euro: esclusi alcuni comuni?

Written By
More from Rocco Miniati

Freddo anormale in Europa, gelo negli Stati Uniti. Il riscaldamento globale è scomparso?

Questo autunno, almeno da qualche settimana, presenta caratteristiche a cui non siamo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *