Quali lire molto rare valgono anche 13.000 euro? Ecco quelli che potresti avere


Ci sono una decina di monete che oggi sono considerate rarissime, e per questo costano parecchio euro. Monete che possono ancora essere trovate a casa tua senza sapere di avere un vero tesoro. In cima alla lista c’è una moneta da 1957 lire. Se in conio brillante, questa moneta costa circa 13.000 euro. È facile da riconoscere in quanto mostra il design inverso delle tre caravelle nella navigazione.

Un’altra moneta oggi considerata molto rara è la moneta da 194 lire. Se in conio brillante, questa moneta costa circa 5.000 euro. A quel tempo ne furono messe in circolazione solo 12.000 copie. Alcuni di loro costano anche 6.000 euro. Questi sono quelli in cui i blocchi e la data sono meno del solito. Questa moneta è facile da riconoscere perché ha un ulivo su di essa e un Pegaso sull’altro.

La terza moneta molto rara a cui prestare molta attenzione è la lira del 1946. In questo caso, se la moneta – “Fior di conio”, può costare circa 2.000 euro. Tuttavia, è necessario trovare una moneta che abbia la parola “prova” perché ne viene coniata solo 80. Questo è facile da riconoscere in quanto è inteso e noto come lira arancione.

La quarta moneta estremamente rara, oggi abbastanza apprezzata, è la lira del 1946. In questo caso, il suo costo è di circa 1.500 euro quando nel “Brilliant Nameless”. Se la valuta è FDS, viene ridotta a 1.000 euro. Anche in questi casi su una moneta dovrebbe esserci la scritta “Proof” in quanto anche su di essi nel 1946 furono coniati 80 pezzi.

Una lira molto rara, che costa anche 13.000 euro

La quinta moneta, oggi considerata molto rara, è un’altra moneta da 2 lire, coniata nel 1953. Si tratta di olive da 2 lire. Anche in questo caso nella moneta dovrai trovare la scritta “Proof. Se il fiore coniato ha un valore di circa 1500 euro, che in questo caso scende a 500 euro se la moneta è FDS.

READ  pandemia accusa Pechino di "nascondere la verità per due mesi" - Libero Quatidian

Written By
More from Rocco Miniati

Scienziato: “Il segreto dell’immunità nelle cellule T”

SINGAPORE (14 novembre 2020) – Antonio Bertaleti, scienziato cremonese che lavora all’Università...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *