“Putin è stato rieletto con almeno 34 milioni di voti fraudolenti”.

Il 7 maggio Vladimir Putin inizia il suo quinto mandato come presidente della Russia. È al potere esattamente da 24 anni. Le controverse elezioni si sono svolte a metà marzo. Secondo la Russia, Vladimir Putin ha vinto le elezioni con circa l’88%. Secondo quanto riferito, ha ricevuto più di 76 milioni di voti.

Il Cremlino ha approvato solo tre candidati, ha rifiutato l'ingresso di osservatori indipendenti nel paese e ha arrestato il leader della ONG russa Golos, Grigory Melkonyantz.

Il quotidiano Tagesspiegel ha parlato con Vitaly Averin, un attivista dell'organizzazione “Golos”. L'organizzazione è responsabile del monitoraggio delle elezioni. Owarin vive in Germania dall'inizio della guerra con un visto umanitario.

Come valuta in generale l'andamento delle elezioni e il loro risultato? C'è stato qualcosa di inaspettato e come giudica i risultati?

Niente di inaspettato. Il Cremlino si è posto in anticipo degli obiettivi che ovviamente non possono essere sbagliati. Allo stesso tempo, esistono molti indicatori, diretti e indiretti, che dimostrano che questi obiettivi sono stati raggiunti attraverso la frode. Tuttavia abbiamo pochissime foto e video come prova, perché questa volta prima delle elezioni l'istituto degli osservatori elettorali – non solo della società civile, ma anche del partito, quasi rivale di Putin – è stato distrutto.

Nelle ultime elezioni parlamentari abbiamo almeno potuto inviare un certo numero di osservatori dei media o almeno ottenere delle prove fotografiche. Inoltre, l’analisi dei dati dei seggi elettorali con il metodo Shpilkin-Kiesling mostra che per Putin sono stati espressi solo 22 milioni di voti. Ciò non tiene conto di altri tipi di frode, come il voto elettronico.

READ  Guerra in Ucraina: Ucraina e NATO rifiutano le condizioni di cessate il fuoco di Putin

Si può concludere da ciò che pratiche che prima erano presenti solo in Cecenia e in alcune altre regioni a maggioranza meridionale, ora si sono diffuse in una forma o nell’altra in tutto il paese, e che non esiste più una differenza fondamentale tra il livello e l’entità della contraffazione in Russia e in Russia? Ad esempio, in Bielorussia?

Sì, penso che possiamo arrivare a questa conclusione. Per rendere ciò possibile, hanno dovuto espellere me e tutti i miei colleghi dal paese e mettere in prigione il nostro leader, Grigory Melkoniantz.

Considerate tutte queste invenzioni, è giusto dire che non possiamo nemmeno cominciare a immaginare il vero risultato di Putin?

Per noi il voto elettronico è essenzialmente una scatola nera. Sembra che nelle “nuove zone” ci siano quattro milioni di elettori. Ma nessuno sa quante persone vivano lì. Anche otto milioni di persone provenienti da 29 regioni hanno votato elettronicamente. Quindi, in totale abbiamo almeno 22 + 4 + 8 = 34 milioni di voti per Putin, il che deve essere fraudolento. Questa è solo la stima più conservativa.

Hai votato e, se sì, come e dove?

Ho provato a votare all'ambasciata russa a Berlino, ma non ci sono riuscito. E ora mi dispiace di non aver seguito il consiglio di alcuni miei amici e di non essere venuto domattina. Come si è scoperto, le uniche persone che potevano esprimere il proprio voto erano quelle arrivate la mattina presto. Quando sono arrivato verso mezzogiorno, la coda era già lunga diversi chilometri ed è stato subito chiaro che non sarei potuto arrivare fino alla chiusura dell'ambasciata alle 20:00.

Proprio come me. Avevo la sensazione che il personale dell'ambasciata stesse deliberatamente iniziando a interrompere la coda controllando le persone all'ingresso. A causa della campagna “Pranzo contro Putin”, c’erano molte persone anti-Putin in fila. Dal punto di vista di Putin, ovviamente, meno persone votano, meglio è.

READ  i nomi dei cardinali che rischiano di rovinare il Vaticano - Libero Quatidian

Sì, anch'io ho avuto quella sensazione. Ma in ogni caso è stato utile che chi non è d’accordo con il regime si vedesse e si rendesse conto che non è solo.

Abbiamo anche visto che, anche secondo i dati ufficiali, la percentuale di Putin all’estero è diminuita drasticamente rispetto alle ultime elezioni del 2018. Soprattutto nei paesi in cui i russi in fuga dalla mobilitazione sono arrivati ​​in massa, dal Kazakistan al Montenegro. In media, sempre secondo i dati ufficiali, Putin ha vinto con il 72%, ben al di sotto dell'87%. E in 42 località all'estero, ad esempio in Turchia, Putin non ha potuto o non ha osato occupare il primo posto, nonostante l'intero arsenale di falsi. Secondo le informazioni ufficiali, Vladislav Davankov ha vinto lì con un leggero margine.

Tornando alla coda senza precedenti a Berlino davanti all’ambasciata il giorno delle elezioni: qual è, secondo le tue osservazioni, il rapporto tra i sostenitori di Putin e gli elettori che protestano?

Ebbene, chiaramente la maggioranza era contro Putin. Molti di loro erano lì anche con i manifesti.

Cosa pensi della reazione dell'Occidente alle elezioni?

Ebbene, in Occidente nessuno si è congratulato con lui… e tutti hanno notato irregolarità senza precedenti nelle elezioni.

È abbastanza?

Credo di si. Penso che non possano non riconoscere affatto Putin. Dopotutto, la Russia non è la Bielorussia. A causa degli sviluppi militari in atto. Ad un certo punto, dovranno negoziare con qualcuno.

READ  Orban chiede a Zelenskyj un cessate il fuoco a Kiev

Finalmente al tuo lavoro. Sei ancora coinvolto nei Golos?

Per motivi di sicurezza mi sono ritirato da tutte le strutture amministrative e ufficiali, ma ovviamente continuo a mantenere i contatti con tutti i miei colleghi. Golos continua a lavorare, ma sotto forma di analisi di esperti piuttosto che di osservatori sul posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto