Psg-Istanbul Basaksehir, la quarta persona ha sospeso la partita per una condanna razzista. Le squadre lasciano il campo al Corriere.it

Sensazionale nel Parco dei Principi. Nella prima metà della partita valido per i campioni del Gruppo H, 0-0, “Psg” e “Istanbul Basaksehir”, la cui squadra è un grande sostenitore del presidente Erdogan, hanno lasciato il campo al 23 ‘del primo tempo. Per il razzismo – non i fan, ma uno dei giudici.

Un quarto ufficiale, il rumeno Sebastian Coltescu, avrebbe pronunciato una frase razzista contro l’assistente allenatore del club turco e alcuni giocatori., la partita è stata sospesa, i giocatori sono tornati negli spogliatoi.

L’episodio è avvenuto al 16 ‘, nella confusione è stato rimosso il delegato tecnico Pierre Webo, ex attaccante camerunense. Il tecnico Okan Buruk (ex Inter) viene a difendersi e urla al quarto ufficiale: “Sei un razzista.

Istanbul è stata la prima a voler rientrare nel tunnel. Secondo le prime ricostruzioni, Caltescu ha usato la parola “negro”, poi ha cercato di spiegare che nella sua lingua non è considerata offensiva. In un video trasmesso dalla televisione turca, Webb è stato visto più volte gridare: Perché dici neri? Perché dici niger? Perché non chiamare così gli altri. Tutti gli scioperanti senegalesi sono stati condannati Demba Ba, passato Chelsea: Ha detto Niger ….

Il giudice Ovidiu Hategan (anche lui rumeno) inizialmente non ha capito la reazione e ha tirato fuori un rosso. Anche i funzionari UEFA sono intervenuti per cercare invano di calmare l’atmosfera.

Il presidente Erdogan ha anche parlato duramente con Ankara: condanno fermamente le dichiarazioni razziste fatte contro Pierre Webb, un membro dello staff tecnico di Basaksehir, e sono convinto che la UEFA prenderà le misure necessarie.

8 dicembre 2020 (modifica l’8 dicembre 2020 | 22:43)

© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

Nevio Udinesi

"Amico degli animali ovunque. Giocatore sottilmente affascinante. Piantagrane certificato. Professionista televisivo. Lettore. Ninja alcolico."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *