Profughi in Bosnia ed Erzegovina: “Gli animali sono migliori di noi”

Nasim Hussain ha tentato tredici volte di entrare nell’Unione Europea. Dice che è stato fermato tredici volte dalle forze di sicurezza croate, è stato picchiato e poi rimpatriato Bosnia Erzegovina Stato ritirato. Ora vive in una foresta nella zona di confine bosniaco-croata e si chiede come sopravviverà all’inverno.

Hussain, figlio di un contadino di 21 anni della vicina Islamabad, capitale del Pakistan, e dozzine di altri migranti hanno allestito un campo fatto di ramoscelli e teli di plastica per proteggersi dalla pioggia e dalla neve. Hanno realizzato una copertura temporanea per il pavimento di fango con pallet di legno che hanno trovato nella spazzatura a Bihac, la città più vicina.

Non c’è acqua o elettricità nel campo

Gli uomini si raccolgono intorno a un fuoco. Nonostante le temperature sotto lo zero, la maggior parte di loro indossa solo una giacca e alcuni di loro indossano sandali. Stai tremando.

Hussain si strofinò le mani. I suoi occhi sono rossi. Non dormiva per paura di morire di freddo nel suo soffice sacco a pelo. Tuttavia, è andato al fiume la mattina presto per fare un bagno. Non c’è acqua o elettricità nel loro accampamento improvvisato. Ogni tanto, le organizzazioni umanitarie ci portano cibo e i migranti mangiano spesso pane raffermo per giorni. “Stiamo morendo di fame”, dice Hussain, “gli animali stanno meglio di noi”.

READ  Joe Biden porterà anche i suoi due cani alla Casa Bianca, uno dei quali un pastore tedesco adottato al rifugio

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *