Potenziale responsabilità: Pence non accelererà la fine di Trump

La possibilità di licenziamento
Pence non affretterà la fine di Trump

Con i suoi sostenitori che prendono d’assalto il Campidoglio, il presidente degli Stati Uniti deve temere una fine anticipata del suo mandato. Le richieste di responsabilità sono alte in entrambi i campi politici. Tuttavia, il suo vergognoso vice non aiuterà.

Dopo che centinaia di sostenitori del presidente degli Stati Uniti Donald Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio, sempre più suoi compagni lo hanno lasciato. Due ministri si sono già dimessi dal suo gabinetto in risposta al terribile incidente e al trattamento riservato dal presidente. Pochi giorni prima della fine del suo mandato, crescono le richieste di estromissione anticipata di Trump. Tuttavia, non temeva più la responsabilità.

Perché il vicepresidente americano Mike Pence si rifiuta, secondo i rapporti di Business Insider e The New York Times, di licenziare Trump sulla base del 25 ° emendamento alla Costituzione. Democratici e alcuni repubblicani avevano chiesto a Pence, dopo la tempesta di sostenitori di Trump, di licenziare il presidente votante meno di due settimane prima di lasciare l’incarico.

La capacità di chiudere rapidamente Trump

L’articolo 25 consente al presidente di essere dichiarato incapace di “esercitare i diritti e i doveri dell’ufficio”. Tale dichiarazione dovrebbe essere fatta dal Vice Presidente Pence e dalla maggioranza dei membri chiave del gabinetto. Dovrai quindi riferirlo al Congresso. Il presidente può presentare ricorso, che a sua volta può essere revocato. Poi sarà la volta del Congresso. Pence sarà presidente in carica fino a quando non verrà presa una decisione. In Parlamento non è prevista la maggioranza dei due terzi richiesta per mettere sotto accusa Trump. Il Congresso avrà 21 giorni per votare, fino a quando il successore di Trump, Joe Biden, presterà giuramento il 20 gennaio.

Il presidente della Camera, democratica Nancy Pelosi, e il leader dei democratici al Senato, Chuck Schumer, avevano chiesto a Pence e al governo Trump di licenziare il presidente con l’accusa di “incitamento alla disobbedienza”. Anche il segretario al Tesoro americano Stephen Mnuchin e il segretario di Stato Mike Pompeo hanno discusso della possibilità di mettere sotto accusa Trump, ha riferito la CNBC, citando persone che hanno familiarità con la questione.

“Questo presidente non dovrebbe essere più in carica”, ha detto Schumer. “Il modo più rapido ed efficace – che si può fare oggi per rimuovere questo presidente dall’incarico – è che il vicepresidente attivi immediatamente il venticinquesimo emendamento”. Pelosi ha detto che l’impeachment di Trump è “estremamente urgente”, aggiungendo: “Quest’uomo ha combattuto per la nostra democrazia”. Trump ha incitato una “rivolta armata contro l’America” ​​e un “tentativo di colpo di stato”. Come Schumer, il vicepresidente Trump Mike Pence ha esortato il governo a emanare immediatamente l’emendamento 25 della Costituzione degli Stati Uniti, che potrebbe dichiarare il presidente incapace di assumere la carica.

“Ogni giorno potrebbe essere uno spettacolo dell’orrore”.

Pelosi ha detto: In caso contrario, il Congresso inizierà misure di impeachment per Trump: negli ultimi 13 giorni del suo mandato, “quest’uomo pericoloso potrebbe causare ulteriori danni al nostro paese”. Sono rimasti solo 13 giorni, ma ogni giorno potrebbe essere uno spettacolo dell’orrore per l’America. Il rappresentante repubblicano Adam Kinzinger ha chiesto l’attuazione dell’emendamento 25: ha detto che questo “incubo” deve finire. “Il presidente non gode di buona salute”.

Trump è accusato di aver tenuto un discorso incoraggiando i suoi sostenitori a trasferirsi in Campidoglio. Più tardi, Mohsen ha commentato in modo inquietante il caos che ha causato cinque vittime finora. È chiaro che l’ex procuratore generale William Barr ha condannato il presidente e ha descritto il suo comportamento come “tradimento”. “Organizzare una manifestazione per fare pressione sul Congresso è imperdonabile”, ha detto Barr in una dichiarazione a Fox News. “Il presidente ha agito ieri per tradire la sua posizione e i suoi sostenitori”, ha aggiunto.

“Se partiamo …”

Trump aveva già affrontato l’impeachment regolare al Congresso durante il suo mandato: a febbraio, è stato assolto dalla maggioranza dei repubblicani al Senato. Trump sarà il primo presidente degli Stati Uniti ad affrontare due di questi processi.

Pence è sempre stato fedele a Trump. “Spero che si unisca a noi”, ha detto Trump nel suo discorso elettorale in Georgia di recente. “Se ci deludesse, non lo amerei più così tanto.” Trump ha chiesto a Pence, nel suo ruolo di Presidente del Senato, di far saltare la verifica dei risultati elettorali, e in una lettera aperta a tutti i membri del Congresso mercoledì sera, ora tedesca, Pence ha chiarito che non poteva fare ciò che il presidente gli aveva chiesto.

Sebbene condivida “milioni di americani” le loro preoccupazioni sull’attuazione delle elezioni, ha scritto Pence nella lettera. Ma Pence ha aggiunto: “La presidenza appartiene al popolo americano ed è solo loro”. Il vicepresidente ha scritto che se ci sono dubbi sul risultato elettorale, spetta agli elettori chiarire quei dubbi, non al governo. “Non credo che i fondatori del nostro Paese intendessero dare al vicepresidente l’autorità unilaterale di decidere quali voti si conteggiano e quali no”.

READ  Coronavirus in Germania: boom di nuovi casi. E la profezia della Merkel rischia di avverarsi

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *