Valanga

Tragedia a Cortina, un giovane escursionista trovato senza vita

Tragedia a Cortina oggi 9 maggio, quando una valanga ha travolto e ucciso un giovane escursionista che era in trekking sulle montagne sopra l’abitato in provincia di Belluno. Il Soccorso Alpino, la Guardia di Finanza e i Carabinieri una volta dato l’allarme hanno subito raggiunto la zona dell’incidente ma non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del giovane.L’escursionista si trovava nella zona della Tofana di Rozes e la tragedia è avvenuta non lontano dal rifugio Giussani. La slavina ha coinvolto altre persone trascinate a valle per circa duecento metri e il giovane, di cui non sono ancora state rese note le generalità, è rimasto ucciso.

[AGGIORNAMENTO] La nota del soccorso alpino sull’incidente: “Scendendo dalla Rotzes assieme al fratello, un giovane scialpinista bellunese, anziché prendere il rientro classico dallo spallone, si era tenuto a destra dello Spigolo Zero e aveva preso un canale che porta dietro Punta Marietta. A metà discesa si era però staccata una valanga che lo aveva trascinato per oltre 200 metri. Il fratello, rimasto più in alto, ha subito lanciato l’allarme e sul posto si è diretto l’elicottero del Suem 118 della Regione del Veneto di Pieve di Cadore, dopo aver imbarcato personale del Soccorso Alpino e Speleologico Veneto – CNSAS e della Guardia di finanza di Cortina d’Ampezzo. Una volta individuato il corpo a circa 2550 metri di quota, i soccorritori sono stati sbarcati con un verricello di 70 metri. La salma è stata dunque recuperata in barella ed elitrasportata a valle, per essere poi accompagnata nella camera mortuaria di Cortina. L’eliambulanza ha imbarcato anche il fratello del giovane, rimasto illeso”.

Lasciaci un tuo commento