obbligo gomme invernali

Obbligo gomme invernali dal 15 novembre o catene a bordo, cosa si rischia

Obbligo delle gomme invernali per chi circola su strade dove la segnaletica prevede o l’adozione di pneumatici invernali o le catene a bordo. Come previsto dal codice della strada siamo alla vigilia della data fatidica del 15 novembre. Data in cui è previsto l’ultimo giorno utile per il cambio gomme.

Obbligo gomme invernali dal 15 novembre, la segnaletica sulle strade

 

Oltre che essere pneumatici sicuri in caso di maltempo e con il fondo della strada pericoloso, anche con pioggia, neve o ghiaccio le gomme invernali eviteranno a molti italiani di dover far fronte a una pesante sanzione. I cartelli di riferimento della normativa posti a bordo strada per capire se ci troviamo su una arteria soggetta a vincoli sono due: uno tondo con fondo blu con ruota catenata ma anche uno a carattere locale. Il Governo infatti dal 2010 permette agli enti locali di giudicare ogni singola strada se percorribile o meno con ruote estive. Si dovrà fare dunque attenzione sia alla segnaletica fissa ma anche alla presenza o meno dei cartelli posti dagli enti locali. Il cartello in questione è rettangolare e presenta una scritta bianca nello spazio interno (quella nera indica invece il periodo dell’anno). Mentre il fondo è blu per le normali strade urbane ed extraurbane, è verde in autostrada.

 

Penumatici invernali, le multe per gli inadempienti

La normativa di riferimento ovvero  secondo quanto prescritto dall’art. 6 riguardo la legge n.120 del 29 luglio 2010 prevedere che vengano adottate gomme invernali o tenute le catene a bordo dal 15 novembre al 15 aprile. Esiste una deroga che permette di montare pneumatici invernali 1 mese prima e smontarli 1 mese dopo dal periodo di riferimento.

Questo esclude tutti quegli automobilisti che hanno deciso di utilizzare i cosiddetti pneumatici quattro stagioni, l’importante che rechino sul bordo della ruota il classico simbolo invernale (un fiocco di neve).

Le multe sono molto salate: possono variare da un minimo di 41 euro nei centri abitati, fino a 168 euro, come previsto dall’art. 7 e dall’art. 14 del Codice della Strada, e da un minimo di 84 euro, fino ad arrivare alla cifra di 335 euro, per quanto riguarda invece le zone al di fuori dei centri abitati, quindi le autostrade, le strade extraurbane principali o assimilate.

L’automobilista una volta individuato viene obbligato a fermarsi, secondo quanto prescritto dall’art. 192, oppure può proseguire la sua marcia solamente nel momento in cui ha dotato il mezzo dei dispositivi antisdrucciolevoli. Quei pneumatici previsti per la guida su strade gelate o innevate nella stagione invernale, se non si provvede a quanto prescritto oltre che alle sanzioni verranno decurtati anche 3 punti dalla patente.

Dolomiti Superski conferma: ‘Ok avvio stagione’

 

 

Lasciaci un tuo commento