Livigno, si copre la neve

Livigno: si copre la neve con teli e segatura per conservarla, è lo “snowfarming”

Livigno si conferma una stazione all’avanguardia grazie alle più innovative tecniche per mantenere e conservare la neve, anche nella stagione calda. Da un paio d’anni nel centro montano in provincia di Sondrio viene praticato quello che è definito dai tecnici del settore lo “Snowfarming“.

La neve al suolo viene protetta e coperta con segatura e teli geotermici. Questo permette di poterla conservare sia per il fondo della nuova stagione che per gli eventi nel centro turistico in tarda primavera e in estate. La neve verrà così conservata indipendentemente dalle condizioni meteorologiche e gli addetti alla preparazione delle piste avranno un valido aiuto per l’anno venturo in caso di scarse precipitazioni. Verranno salvati circa mille metri cubi di neve, con quella tecnica non invasiva che permette di difendere e proteggere anche i ghiacciai nelle estati più calde. Questa tecnica non è nuova ma ha già dato degli ottimi risultati in Svezia ma anche nella vicina Davos.

La neve verrà poi nuovamente lavorata per eliminare eventuali blocchi di ghiaccio formatisi e le scorie delle segature. Molto probabilmente verrà impiegata nella preparazione della pista di fondo da metà ottobre. Ma anche per la gara di fondo che a fine agosto attraversa le borgate di Livigno, dove si partecipa rigorosamente in vestiti d’epoca.

 

 

Incendio Monte Berlinghera, la grigliata costa 13 milioni a due ventenni

 

 

Lasciaci un tuo commento