Misure segrete ed efficaci contro i ristoranti. Ancora non abbastanza per il trasporto

“Sai qual è il problema?”, Dice l’immunologo Sergio Romagnani, professore onorato all’Università di Firenze. “Tutti i provvedimenti previsti nel nuovo Dpcm sono utili, ma sono soluzioni di compromesso per tutelare i legittimi interessi dei cittadini e dell’economia. Ma siamo di fronte a una crescita esponenziale, potrebbero non essere sufficienti. Avremmo bisogno di più “. La cosa? “Dobbiamo identificare le aree in cui si trova la diffusione virus E ‘fuori controllo. E chiudili per 15 giorni, abbassando bruscamente la curva. Altrimenti, con misure parziali, la crescita esponenziale porterà alla saturazione della terapia intensiva. Così Dpcm questo può aiutare a limitare il numero di nuovi positivi, ma potrebbe non essere sufficiente. L’obiettivo è chiaro: convincere le persone a starne alla larga. Evitare quarantena e ridurre la curva di infezione, è necessario ridurre e regolare i contatti sociali rallentando la trasmissione virus.

COME VIRUS
ARRIVA IN FAMIGLIA

Il principale fraintendimento rimane: quando si dice che il 75% dei focolai si verifica in famiglia, viene raccontata solo una parte della storia: l’epilogo. Ma se X infetta il fratello Y, la sorella J e il nonno K, è necessario capire dove è iniziata la catena. X si è infettato al bar, a scuola, in piazza, sull’autobus? Non disponiamo ancora di statistiche reali e affidabili. E con il problema del sistema di tracciamento sarà sempre più difficile recuperare il percorso del virus.

BAR E RISTORANTI
SOLO POSTI

Detto questo, a che serve vietare cibi e bevande nei bar e nei ristoranti dopo le 18:00? “Le misure prese sono utili per tutelare i cittadini durante la grande diffusione del virus, speriamo siano sufficienti. C’è una logica, afferma il professor Claudio Maria Mastroianni, direttore delle malattie infettive del policlinico Umberto I e professore alla Sapienza di Roma. Pensiamo al divieto di consumo: mantenere una distanza di un metro è un dato oggettivo “.

READ  Le 30 migliori recensioni di Potatore Telescopico A Batteria

PERCHÉ IL MASSIMO
SEI A TAVOLA

La stessa logica vale per una disposizione che limita a sei il numero massimo di persone che possono sedersi a un tavolo in un ristorante: “Ovviamente due sarebbero l’ideale, ma la logica è quella di evitare tavoli grandi perché riducendo il numero di persone si riduce la possibilità di trasmissione Immaginiamo quindici persone sedute allo stesso tavolo: la probabilità che ci sia un positivo tra loro è ovviamente più alta rispetto a una cena con più visitatori “.

GRAFICA
PER LA GUIDA

Un’altra misura che provoca dibattito: gli orari di apertura sbalorditivi delle scuole e delle scuole superiori dovrebbero iniziare le lezioni alle 9. Serve a distribuire i passeggeri che utilizzano autobus e metropolitane in orari diversi. Ma se non ci sarà una risposta coerente da parte delle aziende di trasporto, i servizi saranno limitati. Immagina uno studente di una piccola città che deve andare al liceo della capitale della sua provincia. Se invece l’autobus urbano parte alle 7, in base al normale orario scolastico, il risultato sarà nullo, ma farà indugiare il ragazzo per strada in attesa del ritardo nell’inizio delle lezioni.

Troppi passeggeri
In autobus e treni

“Tuttavia, sembra importante ridurre il numero di passeggeri sul trasporto pubblico locale”, ha detto il professor Romagnani, “e occorre fare di più”. Viaggiare in autobus e carrozze affollati gioca un ruolo importante nell’infezione. Ci sono maschere, è vero, e sono molto utili, ma non possono impedire al 100 percento la trasmissione del virus. Quando siamo in un luogo chiuso e affollato per 10-15 minuti, le gocce ristagnano e il rischio di infezione purtroppo aumenta. È importante ridurre il numero di passeggeri su autobus e treni “.

READ  Commandos speciali arrestano presunti mafiosi a Bad Urach

BLOCCA LE AREE
VITA NOTTURNA

Un altro tassello del nuovo puzzle di Dpcm: limitare l’accesso a piazze e strade dove tradizionalmente vengono creati incontri legati alla vita notturna. Il sindaco, d’intesa con il comitato provinciale per la sicurezza, può ordinare la chiusura di queste aree. Sulla carta, questa è una misura utile perché è stato riscontrato che la formazione di grandi gruppi di giovani (e meno giovani) vita notturna spesso contribuisce alla diffusione del Sars-CoV-2. Ma in pratica ci sono due problemi: i sindaci dovranno assumersi importanti responsabilità che incidono sull’attività economica locale, ma soprattutto c’è il rischio che la folla della vita notturna si sposti nelle zone limitrofe, spostando semplicemente il problema da un punto all’altro. un’altra parte della città.

Ultimo aggiornamento: 06:25


© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto