Metà dell’Italia “gialla”, boom di Alitalia, prenotazioni di biglietti aerei per il Sud prima di Natale

La pressione dei governatori sul governo nazionale non è ancora scomparsa. Nonostante otto regioni abbiano cambiato colore (dal rosso all’arancio e dall’arancio al giallo), c’è ancora la richiesta di riconsiderare la scelta di un divieto di viaggio tra i comuni imposto a Natale, Santo Stefano e Capodanno. Ma non è il momento di abbassare la guardia e allentano le misure restrittive perché l’errore porterà a una terza ondata a gennaio: “Abbiamo ancora bisogno di altre vittime”, ha sottolineato il ministro della Salute Roberto Speranza.

Ma la paura è una fuga dal nord l’ultimo fine settimana prima del 25 dicembre, come era già avvenuto a marzo poche ore dopo il blocco. Pertanto, nella prima giornata del nuovo Dpcm l’Italia cambia nuovamente colore e si tinge di giallo, dall’11 dicembre la regione comprendeva 11 regioni con le restrizioni più miti.

Otto regioni cambiano colore

UN Sicilia, Liguria, Lazio, Molise, Sardegna, Veneto e provincia di Trento si aggiungono Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Puglia e Umbria. Con un nuovo decreto firmato dal ministro Speranz, si tingono di arancione Campania, Toscana, Valle d’Aosta e provincia di Bolzano, che si aggiungono a Calabria, Lombardia, Piemonte e Basilicata, che potrebbero già tingersi di giallo la prossima settimana.

Nelle 4 nuove regioni arancioni da domenica sarà possibile riaprire i punti vendita, ma dovranno rimanere in questo intervallo per due settimane: il 18 dicembre, se i dati confermeranno il trend, entreranno anche in quest’area con le minori restrizioni. D’altra parte, l’Abruzzo rimane l’unica regione italiana.

Le preoccupazioni sono condivise dalla maggior parte dei presidenti della regione, che sollecitano il governo a modificare i divieti imposti nei giorni festivi. Il più duro è il governatore calabrese Nino Spirley, che definisce la chiusura un “atto quasi criminale”, e Luke Zaya è convinto che ci siano “azioni” per convincere il governo: “A Natale stiamo tutti meglio, quindi spero che il governo si penti”.

READ  Fino al 29 dicembre la risposta al via libera per il vaccino Pfizer in Europa. Una breve richiesta da Astrazeneka

Il rischio di dirigersi a sud

Al problema delle famiglie separate se ne aggiunge un altro, il rischio di un esodo di massa dal nord. “Il 19 e 20 dicembre”, dice Fontana, “rischiamo di riconsiderare quanto accaduto nella notte tra il 7 e l’8 marzo”, poche ore prima della chiusura dell’Italia. Una paura che sembra confermata da un dato di fatto: Alitalia ha visto prenotando con una maggiorazione del 50% tra il 17 e il 20 dicembre. Tuttavia, è probabile che una serie di dubbi sui viaggi vengano chiariti con questioni governative – ad esempio, verrà ribadito che sarà possibile raggiungere una persona anziana da solo o non fornire il sacrificio di sé anche a Natale, e sarà possibile unire coppie che vivono lontano – la linea di Palazzo Chigi non cambierà.

Il piano per il Natale include ispezioni intensive anche se, si ripete, non ci sarà la stessa crudeltà che fu applicata durante il blocco, perché in questo caso c’erano divieti molto più severi. Particolare attenzione sarà rivolta al mantenimento del coprifuoco, al divieto di viaggiare, allo svolgimento di ispezioni casuali e poi più dure nei giorni festivi e nei fine settimana, e al monitoraggio anche utilizzando droni, strade e aree commerciali per evitare raduni.

© Tutti i diritti riservati

Rocco Miniati

"Professionista del caffè. Appassionato di social media. Fanatico del web professionista. Appassionato di zombi".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *