Meloni critica il “gigante burocratico” dell’Unione Europea

La Commissione europea dovrebbe prendere in considerazione un mandato fermo per ridurre la burocrazia, che eliminerebbe la giungla formale, ha detto mercoledì il politico di destra alla Camera dei Rappresentanti a Roma. Questo potrebbe essere un segno di cambiamento.

Nelle sue parole, la Meloni si riferiva specificamente all'economia: la burocrazia dell'UE mette gli imprenditori in particolare svantaggio. Ha detto che è necessario trasformare il gigante burocratico in un potente gigante politico con la sua civiltà millenaria, consapevole della sua ineguagliabile superiorità in molti campi, e aiutando i suoi sistemi di produzione a competere a livello globale.

In Europa va utilizzato il metodo che l’Italia rappresenta sotto il suo patrocinio: “Non disturbare chi vuole fare qualcosa”, ha detto Meloni. Questo aiuterebbe.

Meloni ha anche criticato il fatto che l’Unione Europea sia troppo influenzata da decisioni ideologiche. Ciò minerebbe la fiducia dei cittadini nelle istituzioni. “La percezione prevalente è che il sindacato interferisca troppo negli aspetti della vita quotidiana”, ha detto Meloni. Resta invece più debole la sua capacità di influenzare gli scenari globali.

Prima di diventare Primo Ministro, Meloni era un critico abituale dell’Unione Europea, a volte in modo molto aspro. Dato che era al governo e visitava regolarmente Bruxelles, sembrava più moderata.

READ  Quanto durano le batterie delle auto elettriche?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto