Melania, addio Trump: dopo il divorzio da 50 milioni alla Casa Bianca

“Melania conta ogni minuto finché non riesce più a divorziare”. Era Amarosa Manigo, ex protagonista del programma “Student”, trasformato in consiglioIeri alla Casa Bianca per accendere le speculazioni sui rubinetti con quel commento. Certo, siamo ancora qui, a ragionare, dal momento che Donald non ha rinunciato alla Casa Bianca e sta continuando la lotta legale per restare lì. Nel frattempo, però, l’aereo si è trasformato in un fiume che include dettagli come le immagini del Sole, secondo cui il primo modello avrebbe raccolto almeno 50 milioni di dollari in caso di separazione.

Prima della sconfitta elettorale, un uomo che li conosce bene ha detto: “L’ha vista Melania? Quanto può essere divertente essere come lei, stare con un settantaquattrenne come lui? “Queste speculazioni vanno avanti dal 2017, quando nei primi mesi di presidenza la moglie non ha seguito il marito a Washington. La versione ufficiale era che voleva restare a New York per permettere a suo figlio Baron di finire l’anno scolastico. Tuttavia, secondo non ufficiale, vero il motivo del ritardo è stato il desiderio di riconsiderare il “matrimonio precoce”, cioè la divisione prematrimoniale dei beni in caso di divorzio, e di sostituirlo con “post-legale”.ha tenuto conto dell’onere causato dai doveri della first lady. Melania, parlando con gli amici, lo ha descritto come “prenditi cura di Barron”, cioè assicura che suo figlio fosse messo alla pari con i fratelli Eric e Don, così come le sorelle Ivanka e Tiffany.

Ci sono stati pochi minuti tra Trump e Melania, così ha rivelato l’ex aiutante

I cattivi credevano che avesse firmato una sorta di contratto con il quale si era impegnata a rimanere vicino a suo marito mentre lui rimaneva alla Casa Bianca. Allo scadere del termine avrà la libertà di divorziare, riscuotendo il TFR previsto dal “post-completamento”. “Se Melania gli infligge la massima umiliazione lasciandolo mentre è ancora in carica”, ha commentato Amaros, “troverà un modo per punirla”. Così, ogni gesto della First Lady è stato studiato con una lente d’ingrandimento per la sua impazienza. “Melania libera!” – era lo slogan. Dalla sua mano negata in Air Force One, alla mano militare su cui ha fatto affidamento durante una recente cerimonia del Veterans Day, ogni indizio è stato utilizzato per confermare le ipotesi. Se si assisterà alla vittoria di Biden, e se Donald lascerà la Casa Bianca il 20 gennaio, diventerà chiaro quando le accuse sono state meritate.

READ  Ecco il segreto per realizzare una pasta frolla speciale, semplice e veloce

Il ritorno di Melania tiene da solo la manifestazione: “Non sono sempre d’accordo con il modo in cui Trump twitta”

Nel frattempo, gli avvocati del settore sperano in divorzi da Ivana e Marla Maples per capire cosa potrebbe essere aspetta Melania. Il primo la moglie, la madre di Don, Eric e Ivanka, è arrivata nel 1992 14 milioni di dollari, una villa nel Connecticut, un appartamento nel Trump Plaza a New York, l’uso di Mar-a-Lago per un mese ogni $ 12 e $ 650.000 all’anno per gli alimenti. È stato peggio per Marla, perché ha dovuto accontentarsi di 2 milioni con Tiffany da sola. Ma Melania è quella che è durata più a lungo, lavorando come first lady, e gli avvocati si aspettano che riceva almeno 50 milioni, un paio di case, alimenti al Barone, di cui si prenderà cura e con profitto.ci piace usare un jet privato con un preavviso di 72 ore. Tuttavia, è probabile che minacci di contestare l’accordo, come hanno fatto Ivan e Marla, alzando un po ‘il prezzo. A meno che Donald non sorprenda tutti, vinca cause legali e la costringa a trascorrere altri quattro anni alla Casa Bianca.

Trump in crisi tra la politica e il fratello defunto, sembra che Melania non sia accanto a lui e mostra al suo mondo un gesto

More from Liberatore Esposito

Biden chiama Trump “George” e ora Internet si chiede se abbia “demenza”.

A pochi giorni dalle elezioni presidenziali, il candidato Donald Trump, Joe Biden,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *