Maradona è morto in prigione, una settimana prima di cadere e colpire la testa

BUENAS AIRES – Maradona è morto in prigione ed è caduto a casa una settimana prima di morire, ha battuto la testa, ma nessuno lo ha portato in ospedale. Questo è stato scoperto da un avvocato Gisele Madrid, un’infermiera che si è occupata del campione. “Maradona è caduto il mercoledì prima della sua morte. È caduto e ha battuto la testa, ma non è stato portato in ospedale per una risonanza magnetica o una TAC”, ha detto l’avvocato ai media argentini.

Le scoperte dell’infermiera

In particolare, Radolf Bake ha spiegato che Maradona ha colpito al lato destro della testa, l’opposto di quello colpito dall’operazione, e poi ha aggiunto: “Maradona non ha potuto prendere nulla: dopo la caduta è stato un giorno nella sua stanza, non ha visto nessuno e non ha aiutato”.

L’infermiera ha poi rivelato di essere stata in contatto con l’ex calciatore solo una volta, il venerdì prima della sua morte, dopodiché Maradona l’ha licenziata, e sebbene sia rimasta su richiesta dell’entourage di Del Pibe, non ha più messo pressione su di lui. e lui non lo controllava in alcun modo. “Ha appena consegnato i farmaci, è rimasto alla porta e ha controllato che gli fossero consegnati”, ha spiegato l’avvocato di Bake.

Morto Maradona, ultime immagini: va e ricambia il saluto al bambino


Ma c’è di più. Dopo la dimissione dalla Clinica Olivas, dopo neurochirurgia, Maradona ha presentato chiaramente segni di ritiro della sostanza. Lo ha scritto lo psichiatra Agostino Iris, che poi seguì Diego a casa di Tiger, dove morì. Lo specialista ha inoltre consigliato la costante disponibilità di un’ambulanza inutilmente.

La posizione del dottor Luke

Nel frattempo, la posizione giudiziaria del medico rischia di peggiorare Leopold Luke, Medico personale di Maradona indagato per omicidio procuratore di San Isidro. In effetti, i documenti hanno rivelato che il dottor Kosachev aveva chiesto uno specialista 24 ore su 24 e servizi igienici per l’ex campione, ma Luke non aveva preparato quell’assistenza.

“Se il dottor Kosachev mi avesse scritto un rapporto accurato, avremmo potuto internare Diego in una clinica psichiatrica”, ha difeso Luke. “Ma senza questo documento nessun paziente può sottoporsi a procedure riabilitative obbligatorie. E Maradona non voleva più andare in ospedale, ha deciso di farsi curare a casa: stava meglio, io di certo non l’ho lasciato, è morto di infarto ed era imprevedibile”. .

“Non è vero”, ha risposto l’avvocato dell’infermiera, “il cuore di Maradona ha dato segni evidenti di sofferenza, ma nessuno li ha ascoltati”.

Accuse della famiglia

Così scoppiò una triste guerra tra i dottori, mentre la prima moglie di Diego, Claudia Vilafanae figlie Dalmazia è Janina a loro volta accusano il dottor Luke: “È responsabile, aveva bisogno di organizzare un aiuto per Maradona, rimasta sola”. Tuttavia, Luke ha affermato che Diego a volte non voleva nemmeno alzarsi dal letto per adottare le sue figlie, e che in effetti era incontrollabile.

Anche l’avvocato di Maradona, Matthias Morla, è convinto che le indagini dovranno scoprire tanti aspetti oscuri e punire quelli che lui definisce “criminali idioti”.

READ  Preoccupazioni per la prevista fusione bancaria in Italia

Agapeto Napolitano

"Fanatico di zombi estremo. Aspirante nerd del cibo. Difensore del web. Studioso di Twitter incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *