Manovra, in corridoio parlamentare verifica la richiesta di successione

Le modifiche effettive alla Manovra saranno il risultato di emendamenti che saranno approvati nelle prossime settimane dalla Commissione Bilancio della Camera dei Rappresentanti. La richiesta di prorogare fino a dicembre 2023 i superbonus, ovvero detrazioni fiscali del 110 per cento per il miglioramento energetico e antisismico degli edifici, è firmata da una settantina di deputati di tutte le principali forze: M5s, Pd, Iv e Leu. “Il provvedimento è appena iniziato”, ha spiegato Marina Nardi (PD), presidente della Commissione Produzione della Camera, “ma rischia di subire altri stop a causa di Kovid. Per questo è necessario continuare”. L’intenzione è condivisa, ma la maggioranza e il governo hanno problemi con la spesa. Per fare questo, l’idea di prolungare la misura potrebbe essere messa in frigo prima
sul fondo di recupero.

Per posticipare l’eco-bonus su un’auto, invece, c’è più di una richiesta da parte di varie forze maggioritarie come Iv e Pd. In questo caso, l’M5 storce il naso, e cerca di indirizzare gli incentivi solo ai veicoli elettrici, mentre gli Alleati puntano anche a diesel e benzina di ultima generazione.

D’altra parte, il saldo è contenuto in un emendamento firmato dai parlamentari Le e dal Partito Democratico, che chiede l’abolizione dell’Imu e dell’imposta di bollo sui conti correnti e depositi per sostituirli con un’aliquota minima graduale dello 0,2% “sui grandi beni la cui base imponibile è composta da ricchezza netta superiore a 500mila euro “. I primi firmatari sono Nicola Frotoiani, che fa parte della sinistra italiana in Leo, e Matteo Arfini della minoranza del Sud. Tuttavia, la strada per questo emendamento è in aumento: non trova troppi sponsor tra gli alleati, e all’opposizione non piace: “La nuova serie” Anche un ricco grida “- ha commentato alla Camera di Mariastel Helmini la casa madre Forza Italia.

READ  F1, la Ferrari è tutta nera: Vettel è molto severo, Leclerc china la testa

Un altro problema creerà anche una certa tensione nella maggioranza: Yves e Leo chiedono di aumentare le accise sui recenti introiti di sigarette di tabacco che vengono inalate senza combustione. Anche Forza Italia vuole misure simili: “Bisogna aumentare la tassazione dei tabacchi riscaldati. Al di là dei presunti legami tra la multinazionale Philip Morris e Casaleggio Associati”, ha scherzato Osvaldo Napoli, deputato di Forza Italia, ricordando le contraddizioni di questi temi. gli ultimi giorni.

Oltre alla manovra c’è un altro provvedimento in arrivo alla Camera, il Dl Ristori Quater, che il governo darà inizio nelle prossime ore. Il primo progetto prevede il blocco delle sanzioni e delle sospensioni amministrative per chi chiede il differimento degli “arretrati fiscali” per “comprovato” disagio economico. La misura prevede anche un rinvio delle scadenze fiscali al 30 novembre e una nuova indennità una tantum per i lavoratori stagionali nel turismo, nello spettacolo e per i lavoratori impiegati nel settore sportivo. Ma secondo il senatore di Forza Italia Dario Damiani “la proroga della tassazione di soli dieci giorni per pagare una seconda o una rata dell’acconto sull’imposta sul reddito e l’Iraq è da ridere”.

Agapeto Napolitano

"Fanatico di zombi estremo. Aspirante nerd del cibo. Difensore del web. Studioso di Twitter incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *