L’Italia vuole cambiare la costituzione per vietare il Nutri-Score

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Inglese

Il partito di Giorgia Meloni propone una modifica alla Costituzione italiana che renderebbe più difficile l'introduzione dell'etichetta Nuti-Score, un'etichetta colorata sulla parte anteriore della confezione, in Italia – e in tutta Europa.

Pubblicità

Secondo Euronews, il governo italiano sta proponendo una modifica costituzionale che ostacolerebbe l’introduzione del sistema Nutri-Score sostenuto dall’UE.

L’Italia è scettica sulla scala Nutri-Score. La scala ha lo scopo di servire come indicatore dei valori nutrizionali degli alimenti classificando i valori nutrizionali in codici comparabili da A a E e da verde a rosso. Uno dei motivi principali per cui l’Italia si oppone al Nutri-Score è che i prodotti di base italiani come l’olio extra vergine di oliva sono classificati D e colorati in arancione. L’Italia vede questo come un pregiudizio.

Il ministro italiano delle Politiche agricole vuole introdurre il “diritto ad un'alimentazione sana”.

Durante un comizio elettorale europeo la scorsa settimana, il ministro italiano dell'Agricoltura Francesco Lollobrigida – membro del partito al governo Fratelli d'Italia e genero del primo ministro Giorgia Meloni – ha annunciato una proposta di modifica della costituzione. Voleva introdurre misure preventive che garantissero ai cittadini italiani il diritto a un'alimentazione sana.

La nuova bozza afferma: “La Repubblica garantisce un’alimentazione sana ai suoi cittadini, segue il principio della sovranità alimentare e protegge i prodotti che simboleggiano l’identità nazionale”.

Un portavoce del Ministero dell'Agricoltura ha detto a Euronews che il processo di modifica della Costituzione è già iniziato nella Camera dei Deputati italiana dal deputato Tommaso Foti. Un processo simile dovrebbe iniziare anche nella Camera alta del Parlamento.

Entrambe le Camere dovranno votare due volte sull'emendamento. Se la maggioranza semplice approverà il disegno di legge, si aprirà la strada a un referendum in cui i residenti potranno accettare o respingere l’emendamento costituzionale.

READ  Le 30 migliori recensioni di Lettino Fisioterapia Portatile

Il cibo italiano dovrebbe essere considerato sano secondo la Costituzione

Un simile cambiamento delle regole metterebbe in discussione le prospettive di introduzione del Nutri-Score in Italia, poiché i benefici per la salute del cibo italiano sarebbero effettivamente confermati dalla Costituzione.

Il sistema Nutri-Score è attualmente in fase di test nei supermercati di sei Stati membri dell’UE, compresa la Germania. Si prevede che la Commissione Europea approvi il Nutri-Score. È stato incaricato di proporre un sistema uniforme di etichettatura degli alimenti a livello europeo.

Negli ultimi anni, l’Italia ha organizzato diverse iniziative a Bruxelles per contrastare il sistema Nutri-Score e ha compiuto sforzi diplomatici per trovare alleati con altri paesi dell’UE contro il Nutri-Score.

Queste misure hanno rinviato e rallentato la proposta della Commissione, la cui pubblicazione era prevista per la fine del 2022, a causa della sua incompatibilità.

L’Italia preferisce metodi diversi per etichettare i prodotti alimentari

Invece, il governo italiano ha approvato il sistema di etichettatura alimentare NutrInform Battery. Il sistema visualizza informazioni nutrizionali sugli alimenti e sulle bevande consumate e sulle porzioni consigliate dagli esperti di nutrizione, oltre alla proporzione relativa di calorie, sale, zucchero e grassi necessari nella dieta quotidiana.

La settimana scorsa si è tenuto in Belgio, paese che attualmente detiene la presidenza del Consiglio dell'Unione Europea, un incontro scientifico sul Nutri-Score. Questo incontro è stato visto come un tentativo di riportare la questione dell'etichettatura degli alimenti sulla parte anteriore della confezione nell'agenda dell'UE.

Gli organizzatori dell'evento hanno detto a Euronews che i rappresentanti italiani sono stati invitati e hanno confermato un relatore, ma in seguito si sono ritirati perché l'evento coincideva con un giorno festivo in Italia.

READ  Le 30 migliori recensioni di Pannelli Solari Fotovoltaici

Anche l’etichettatura degli alimenti sarà un problema per le elezioni europee

La questione della valutazione degli alimenti potrebbe tornare ad essere importante prima e dopo le elezioni europee, insieme ad altre questioni politiche. Soprattutto se Ursula von der Leyen si candidasse nuovamente alla carica di presidente della Commissione e cercasse il sostegno del primo ministro italiano Giorgia Meloni, un’opzione che von der Leyen respinge. Nella loro ultima discussione Lasciato aperto.

“Von der Leyen è ora interessata ad avviare trattative con il governo italiano”, ha affermato Lorenzo Castellani, professore di storia delle istituzioni politiche all’Università Luis di Roma.

L'esperto ha detto a Euronews che le opinioni di Meloni e von der Leyen convergono su questioni come l'immigrazione. Ha aggiunto che il Primo Ministro italiano potrebbe sfruttare più spazio negoziale nei prossimi mesi fino alla formazione della nuova Commissione europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto