L’Italia mette al bando le manifestazioni – Strade Bianche annullate

Ciclismo: ora è ufficiale. Il governo italiano vieta tutti gli eventi con un gran numero di spettatori fino al 3 aprile. Una cosa è certa: non ci saranno gare ciclistiche in Italia a marzo. La Strade Bianche è già stata ufficialmente cancellata.

La paura del Coronavirus è molto grande

Non ci saranno gare italiane di primavera nel 2020. A causa del Coronavirus, il governo italiano ha deciso di bandire tutti gli eventi con un gran numero di visitatori. Ciò significa che nessuna gara ciclistica può essere eseguita automaticamente. Dopo aver consultato le autorità locali, l’organizzatore RCS ha ora ufficialmente annunciato che Strade Bianche non si riunirà.

annuncio circa Governo italiano:
È consentito tenere a porte chiuse eventi, gare o unità di allenamento per gli atleti che gareggiano in edifici sportivi. In ogni caso, Federazioni e società sportive devono effettuare controlli adeguati per ridurre il rischio di diffusione del Coronavirus.

Nemmeno Ineos e Astana gareggiano

Anche prima della cancellazione ufficiale di Strade Bianche e dell’annuncio che il governo italiano dovrà probabilmente rimuovere tutte le gare dal calendario UCI a marzo, ieri alcune squadre si sono ritirate dalla rosa di partenza. Il team EF ha iniziato. Questo è stato seguito dal ritiro di Michelton-Scott, Jumbo-Visma e Groupama-FDG. Il team Astana del Kazakistan e il team britannico Ineos hanno annunciato che non gareggeranno nelle prossime settimane. Si può presumere che nei prossimi giorni seguiranno ulteriori cancellazioni. Quindi si prevede che l’UCI aggiusterà il calendario in generale. Perché chi altri dovrebbe guidare le gare?

Pubblicità

Macchina stradale BMC

Team manager dell’Astana Alexander Vinokurov:
“Con questa misura, proteggiamo la salute dei nostri conducenti e dipendenti e siamo responsabili nei confronti della società non promuovendo la diffusione del virus”.

READ  L'uomo che vuole salvare Conte

Agapeto Napolitano

"Fanatico di zombi estremo. Aspirante nerd del cibo. Difensore del web. Studioso di Twitter incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *