L’Italia guida le vendite di azioni Monte Paschi

Monte de Bache Zentral

rom Secondo fonti informate, il governo italiano sta vendendo la sua maggiore partecipazione in Crisis Bank Monte de Bache Di Siena avanti. Due persone a conoscenza della vicenda hanno detto che il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri aveva firmato un decreto che prevedeva opzioni di vendita. Si aprirà così la strada all’approvazione finale del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il documento governativo, ottenuto da Reuters, oltre alla fusione con un altro istituto finanziario, prevede l’esenzione di Monte Bachey da sofferenze per oltre otto miliardi di euro.

Questa è la condizione fondamentale perché la banca torni a operare in modo redditizio nel lungo periodo e affinché un governo possa vendere le proprie azioni, come previsto dal decreto. Il ministero dell’Economia ha rifiutato di commentare. Reuters ha appreso domenica da fonti a conoscenza della questione che il governo di Roma voleva trovare un acquirente per la banca in crisi entro la fine dell’anno.

Il Banco BMP di Milano è visto come un partner adatto. Tuttavia, quest’ultima ha dichiarato di non essere interessata a Monte Bache. La banca più antica del mondo è stata salvata dal collasso nel 2017 con un pacchetto di salvataggio da otto miliardi di euro da parte del governo. Lo stato attualmente possiede il 68%. Entro la fine del 2021 il Monte Paschi dovrebbe essere nuovamente privatizzato secondo i requisiti dell’Unione Europea.

Di Più: Monte de Bache prevede perdite entro il 2022

READ  Covid, fonti: nel nuovo Dpcm soggiorno nei ristoranti per Natale e Santo Stefano

Agapeto Napolitano

"Fanatico di zombi estremo. Aspirante nerd del cibo. Difensore del web. Studioso di Twitter incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *