L'Italia celebra l'opera lirica a Verona come patrimonio culturale mondiale

© Paola Garbuillo/La Presse/La Presse/DPA




L'Italia ha celebrato l'iscrizione dell'opera italiana nella Lista del Patrimonio Culturale Mondiale con una grande serata d'opera in Piazza Verona. Al concerto diretto dal direttore d'orchestra Riccardo Muti, trasmesso in diretta dalla televisione italiana, si sono esibiti grandi della musica classica come Anna Netrebko e Jonas Kaufmann. C'era anche un'orchestra di 160 musicisti e un coro di 300 cantanti.

Venerdì sera l'arena della città del nord Italia ha registrato il tutto esaurito per ventimila spettatori. Nei posti d'onore sedevano il presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il presidente Sergio Mattarella. Il concerto segna l'inizio della stagione lirica di quest'anno in piazza, che proseguirà fino al 7 settembre. Il programma comprende classici come “Aida”, “La Bohème”, “Tosca” e “Turandot”.



Le origini del festival risalgono al 1913. La “Grande Opera Italiana”, come la chiama ufficialmente il Ministero della Cultura italiano, è stata inserita nel Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dall'UNESCO alla fine dello scorso anno.

READ  Juventus, Pirlo: "Ronaldo c'è, ma non partirà con 1 '. Pressione? Sono tranquillo".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto