L’Iran rilascia su cauzione il rapper Toumaj Salehi

L’Iran ha rilasciato su cauzione uno dei suoi critici. Il rapper Tomag Salhi è in prigione da più di un anno.

Il rapper iraniano Toumaj Salehi è stato rilasciato su cauzione dopo un anno e 21 giorni trascorsi in una prigione iraniana. Lo ha annunciato tramite il suo account Instagram ufficiale. “Pensavo che la situazione più triste per una persona fosse rimanere sola sotto i tormenti del tempo. Ora mi rendo conto che la solitudine è più amara della liberazione.” Si dice che sia stato tenuto in stretto isolamento per 252 giorni.

La deputata socialdemocratica del Bundestag Ye-One Rhie, che ha più volte fatto campagna per la liberazione del musicista, è apparsa a suo agio sulla piattaforma X. “Sono molto contenta di questo, ma dobbiamo stare attenti”, ha scritto. su cauzione non è vera libertà, non libertà senza condizioni”. Finché il governo iraniano non ritirerà le accuse, continuerà a lottare per lui. Non dimenticherai mai che è stato imprigionato innocentemente. L’Iran è stato accusato di aver torturato il musicista e di non avergli fornito cure mediche.

È stato arrestato poco dopo l’intervista

Il suo profilo Instagram è curato da un confidente che ora diffonde anche la buona notizia. I suoi amici e fan chiamano il rapper “la voce del popolo” – perché dall’inizio delle proteste, essendo uno dei musicisti più famosi in Iran, ha ripetutamente criticato il regime, raggiungendo milioni di persone.

Ha criticato l’ingiustizia sociale nel Paese e ha anche invitato a manifestazioni. Nell’ambito dell’ondata di arresti dello scorso anno, anche il famoso rapper è diventato vittima dei servizi di sicurezza iraniani. In un video che pretendeva di mostrare il suo arresto, un uomo bendato si sedeva per terra dicendo di aver commesso un errore. Tuttavia, il cantante ha già ripetutamente invitato alla rivoluzione. Dopo il suo arresto, ha ricevuto sostegno internazionale, anche da altri musicisti, sotto l’hashtag #FreeToomaj.

READ  Scozia: per la prima volta, una sottile maggioranza favorevole alla permanenza in Gran Bretagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto