Le elezioni presidenziali americane, il mistero dei risultati, se scopriamo chi ha vinto? – Corriere.it

Le elezioni presidenziali americane, il mistero dei risultati, se scopriamo chi ha vinto?  – Corriere.it

Non è noto che la notte delle elezioni americane, martedì 3 novembre, scopriremo chi ha vinto. A causa della pandemia, un numero senza precedenti di elettori ha votato in anticipo (80 milioni finora), soprattutto per posta (51 milioni). Alcuni stati conteranno le schede più velocemente, altri più lentamente: questo perché alcuni iniziano a controllare, aprire (e contattare immediatamente gli elettori per risolvere i problemi), mentre altri aspettano il giorno delle elezioni o poche ore prima. Inoltre, alcuni stati consentono anche il conteggio delle carte che arrivano dopo il 3 novembre fino a quando non vengono timbrate. Ecco alcune previsioni sugli stati che sperano nella vittoria.

Il più veloce

Dei sei stati sospesi che decideranno le elezioni presidenziali, Florida, North Carolina eArizona dare i risultati prima della notte americana o poco dopo, poiché hanno già fatto la cosiddetta “pre-elaborazione” dei voti per posta. John King, guru delle elezioni in Cnnspiega che è possibile che alle 23 o mezzanotte (4 o 5 italiane) si sappia chi ha vinto in Florida e possibilmente in North Carolina. Se Biden vince in uno o entrambi gli stati (è alle prese con Trump alle urne), l’attuale presidente sarà praticamente impossibile da recuperare. Se invece Trump vince in Florida, dovremo aspettare un paio di giorni per scoprire chi ha vinto. E comunque non si può escludere che se il confronto diretto è molto duro, alla Florida servirà ancora di più: nel 2008 il governatore e il senatore hanno avuto bisogno di due settimane e tre conteggi.

Il più lento

Pennsylvania, Michigan e Wisconsin – I tre stati del Midwest che hanno garantito la vittoria di Trump nel 2016 stanno appena iniziando a controllare le cartoline durante o prima del voto. Nei primi due stati, i risultati completi verranno annunciati solo giovedì 5 o venerdì 6. Il Governatore del Wisconsin ritiene invece che ci sia già martedì 3 o mercoledì 4 perché sono già stati effettuati alcuni controlli all’esterno delle buste. Il percorso di Trump verso una possibile vittoria passa attraverso questi stati “più lenti”: a meno che non commetta un errore nelle urne, non può essere rieletto senza vincerne almeno uno, ed è improbabile che questo diventi ufficiale il 3 novembre. Biden può invece arrivare ai 270 elettori necessari per impadronirsi della Casa Bianca senza passare per stati più lenti: può arrivarci attraverso Florida, North Carolina, Arizona, Georgia. Anche Texas (molti voti in anticipo, ma soprattutto di persona) e Ohio (risultati attesi mercoledì) se Biden vincesse potrebbe significare una “valanga blu”.

READ  Nord Stream 2: Anthony Blinken ha ribadito l'opposizione degli Stati Uniti all'oleodotto
False impressioni

Michael MacDonald, professore presso l’Università della Florida che sovrintende alle votazioni anticipate sul sito Progetto selezionatodì di si Corriere: “Vediamo i democratici votare prima dei repubblicani, come è tipico delle elezioni statunitensi. I repubblicani dovrebbero riprendere il giorno delle elezioni, come in passato. Fino ad allora, non sapremo se questi voti saranno sufficienti per rieleggere Trump “. In momenti diversi della notte, a seconda del tipo di voto annunciato per primo, un partito può sembrare più forte di un altro: laddove i risultati postali sono noti per primi (Florida, North Carolina e Arizona), i primi risultati possono essere favorevoli. a Biden. Laddove i voti vengono annunciati di persona, Trump potrebbe avere un vantaggio.

Dopo l’elezione

Per complicare le cose, alcuni stati accettano carte che arrivano per posta dopo il giorno delle elezioni (con un francobollo), come la Pennsylvania entro il 6 novembre o la Carolina del Nord entro il 12 novembre. Sono state inviate più di 80 milioni di cartoline. in tutto il Paese a milioni non sono ancora tornati: la Florida non ha più tempo per restituirli, devono essere portati alle urne.

Capire il vento

Tuttavia, di notte ci saranno segnali per capire il “vento”: arriveranno da contee che chiudono presto, come Brecken in Kentucky o Skiota in Ohio, dove Trump ha vinto nel 2016. Attirerà lo stesso numero di voti rurali? La risposta a questa domanda aiuterà a capire se può ancora contare su quella parte di elettorato che lo ha portato alla vittoria nel Midwest.

29 ottobre 2020 (modifica il 29 ottobre 2020 | 23:22)

© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

READ  Le elezioni statunitensi del 2020, Trump contro Biden: tutto tranne che presidenziale

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News