La vendetta di Putin? La Russia sta prendendo di mira le aziende tedesche e italiane: una cattiva ipotesi

  1. Home page
  2. un lavoro

Insiste

Il governo di Vladimir Putin ha nazionalizzato le filiali Bosch e Ariston in Russia. (Foto d'archivio) © IMAGO/Sergei Karpukhin

Le filiali di Bosch e Ariston furono nazionalizzate per decreto in Russia. In Italia c'è il sentimento di una vendetta di Putin.

ROMA/MOSCA – Vladimir Putin continua ad andare avanti nella sua politica economica. Ora l'autocrate del Cremlino ha posto le filiali russe dei produttori di elettrodomestici Ariston e Bosch sotto la tutela di Gazprom Holding.

Un decreto simile è stato pubblicato venerdì nel database ufficiale del diritto russo. Di conseguenza, il 100% delle azioni delle due società verrà trasferito a Gazprom Bytoygi System.

Poco dopo l’inizio della guerra, Bosch smise di produrre lavatrici e frigoriferi in Russia. Secondo quanto riportato dai media, l'azienda stava cercando un acquirente per i suoi asset in Russia a partire dall'estate 2022. Secondo il quotidiano Kommersant Alla fine dello scorso anno Bosch aveva praticamente cessato le sue attività nel Paese e cercava solo un acquirente per la sua sede nel sobborgo moscovita di Khimki.

Putin nazionalizza aziende tedesche e italiane: “Una decisione inaspettata”

In Italia suscita indignazione la notizia della nazionalizzazione della controllata Ariston. Il Ministro degli Affari Esteri Antonio Tajani Parla ad alta voce Repubblica Si parla di “una decisione inaspettata del governo russo” e si contatta l'amministratore delegato dell'azienda italiana. Ha detto di non aver ancora ricevuto alcuna notifica ufficiale di nazionalizzazione. “Il governo italiano è al fianco delle imprese ed è pronto a tutelarle in tutti i mercati internazionali”, ha scritto Tajani su X (ex Twitter). Il Segretario Generale aveva dato ordine di “convocare l’Ambasciatore della Federazione Russa in Italia”. Il governo chiede chiarimenti sulla questione della nazionalizzazione del gruppo Ariston Thermo. “In collaborazione con la Germania, sto lavorando anche con Bruxelles.”

READ  Gokhan Inler sta giocando la sua ultima stagione con il Besiktas

In Italia c’è il sospetto che il Cremlino stia attuando ritorsioni. Questa potrebbe essere una ritorsione per il ruolo dell'Italia nella controversia relativa al sequestro dei beni russi congelati in Europa. L’Italia detiene la presidenza del G7 dal 1° gennaio 2024. Recentemente, l’Unione Europea ha proposto di utilizzare almeno gli interessi sui fondi russi congelati (210 miliardi di dollari in Europa) per sostenere l’Ucraina. Il primo pagamento a Kiev potrebbe essere effettuato a luglio.

La politica economica di Putin: ridistribuzione allo Stato e agli amici

Le nuove nazionalizzazioni fanno parte della nuova politica economica di Putin. Da quando la Russia ha iniziato la guerra in Ucraina, secondo il rapporto Novaja Gazeta Ai tribunali russi sono state presentate 40 richieste di nazionalizzazione di un totale di 180 aziende private. Ciò provoca un forte rumore Repubblica “Ridistribuzione della proprietà su larga scala”. Tutti i settori industriali ne sono colpiti, in particolare quello militare, seguito da quello alimentare, chimico e minerario.

L'approccio di Putin si basa su un decreto emanato nella primavera del 2023. Ciò consente di gestire e nazionalizzare temporaneamente le attività delle società straniere in Russia. Nel luglio 2023 sono stati colpiti il ​​colosso alimentare Danone e il colosso danese della birra Carlsberg. Putin ha poi venduto le società ai lealisti russi. È un approccio che si è ripetuto ripetutamente dall’inizio della guerra: in alcuni casi, le aziende occidentali sono state trasferite ai lealisti del Cremlino a prezzi ridicoli. (Riposo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto