La terza ondata è iniziata in Corea del Sud

Mercoledì 25 novembre sono stati registrati 583 nuovi casi di infezione da coronavirus in Corea del Sud Il ministro della Salute Pak Nung-Hu afferma che il Paese è entrato in una terza ondata di epidemie, dopo marzo e agosto. Per la prima volta da marzo, quando l’infezione si è diffusa in Corea del Sud, il primo paese dopo la Cina, sono stati segnalati più di 500 nuovi casi.

Mentre a fine febbraio si trovava Wuhan, la città cinese da cui è partita la pandemia di coronavirus quarantena molto rigorosa nel giro di un mese la Corea del Sud è riuscita a fermare la crescita delle infezioni e a frenare efficacemente la diffusione del virus. L’approccio della Corea del Sud fu chiaramente apprezzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità: Le infezioni confermate proporzionate da decessi per cause correlate al coronavirus erano poche, ma ciò era dovuto sia a un’ampia politica sui tamponi che a un sofisticato sistema di tracciamento delle infezioni.

Se le ondate di marzo e agosto sono iniziate con lo scoppio di gruppi religiosi, per alcune vere sette – a marzo i fedeli della chiesa protestante della prigione di Sarang a Songbuk, un’area a nord della capitale Seoul, in agosto dalla comunità di Jesus Shincheonji, una setta cristiana con almeno 200.000 seguaci – la terza ondata colpisce comunità di persone più eterogenee in uffici, scuole, palestre e altri piccoli gruppi sparsi per la capitale Seoul. Questa diffusione in gruppi di persone meno controllati e identificati complica il tracciamento delle infezioni e quindi il loro contenimento.

Per questo motivo, lunedì il governo ha imposto regole severe sul distanziamento fisico a Seul e nelle regioni circostanti dopo che l’aumento giornaliero dei casi ha iniziato a fluttuare intorno a 300. Norme rigorose sulla distanza sono state adottate anche nell’esercito e un divieto di riposo di 10 giorni per i soldati dopo aver trovato 50 nuovi casi nelle caserme per formare reclute.

READ  "Nel Regno Unito la situazione si sta deteriorando"

Questa terza ondata ha già superato il massimo aumento di casi giornalieri, 441, il secondo registrato il 27 agosto. Secondo il professor Kim Wu-ju del Kare Hospital della Gare University, questa terza ondata è stata inevitabile dopo aver allentato le misure di allontanamento fisico che hanno costretto le persone a tornare in bar, ristoranti e viaggiare liberamente per più di un mese prima che le autorità riprendessero le restrizioni.

Kim ha anche detto che “a differenza della prima ondata di febbraio e marzo e della seconda ondata di agosto e settembre, quando l’infezione era limitata, ora si verificano in luoghi diversi contemporaneamente, rendendo estremamente difficile il lavoro di monitoraggio. Contatti”.

Il ministro della Sanità Park si è detto anche preoccupato per il fatto che la percentuale di persone infette di età compresa tra i 20 ei 30 anni fosse salita al 28% dell’incidenza totale nell’ultimo mese. La diffusione del contagio tra i giovani, molti dei quali asintomatici, ha spinto il governo a chiedere agli studenti di non frequentare le scuole per prepararsi agli esami di ammissione all’università previsti per il 3 dicembre.

Il ministro dell’Istruzione Yu Ying Hee ha detto che le infezioni si stanno diffondendo “nella nostra vita quotidiana, inclusi incontri familiari e riunioni informali, e questo complica le misure di prevenzione del governo”. Pertanto, la situazione è completamente diversa rispetto alle prime due ondate il governo è riuscito a contenere l’infezione in una fase inizialeed è stato in grado di farlo senza massicce misure di quarantena, ma grazie a un’ampia politica sui tamponi e al sofisticato monitoraggio delle infezioni.

READ  Trump ha bloccato le elezioni americane alla Casa Bianca: scenario

Il 10 e l’11 aprile, quando in Italia e in altri paesi europei erano in vigore misure a distanza più severe, in Corea del Sud hanno addirittura votato. 44 milioni hanno votato per il rinnovo di 300 membri dell’Assemblea nazionale, il parlamento unicamerale del paese.

La Corea del Sud non è l’unico paese ad aver affrontato una terza ondata di infezione. Tra gli altri, soprattutto dai paesi asiatici dove si sta sviluppando la terza ondata, c’è il Giappone, dove dopo il picco di 2514 casi il 22 novembre, il più alto dall’epidemia nel paese, il governo della regione metropolitana di Tokyo introdotta chiusura anticipata alle 22.00 per bar e ristoranti che opereranno per tre settimane a partire da sabato 28.

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *