La Russia mette sotto amministrazione controllata un'azienda tedesca: rabbia a Berlino

  1. Home page
  2. un lavoro

Insiste

La decisione di Mosca di porre le società affiliate a Bush e alla Ariston sotto la supervisione di Gazprom ha suscitato indignazione diffusa. Germania e Italia si riservano il diritto di risposta.

Mosca – Germania e Italia hanno reagito con indignazione alla decisione di Mosca Cespuglio– La filiale di elettrodomestici BSH e la filiale russa dell'azienda italiana di tecnologie di riscaldamento Ariston Thermo Group saranno poste sotto la “supervisione temporanea” del gruppo Gazprom. “Condanniamo l'amministrazione obbligatoria emessa e ci riserviamo il diritto di rispondere ulteriormente in stretto coordinamento con l'Italia”, ha detto sabato sera il Ministero degli Esteri. Il governo italiano ha convocato l'ambasciatore russo.

Un portavoce dell'UE ha condannato le azioni di Mosca, definendole “un'ulteriore prova del disprezzo della Russia per le leggi e i regolamenti internazionali” © Fabian Sommer/dpa

Una società tedesca sotto custodia giudiziaria russa: “Prova del disprezzo della Russia per le leggi e i regolamenti internazionali”

“Il governo chiede chiarimenti sulla nazionalizzazione del gruppo Ariston Thermo”, ha detto il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani al servizio elettronico X. Anche l’Italia sta lavorando su questo tema “con Bruxelles in collaborazione con la Germania”. Tajani ha detto di aver discusso della questione anche con il management dell'Ariston. Il suo governo “è al fianco delle imprese” ed è “pronto a tutelarle su tutti i mercati internazionali”.

Un portavoce dell'Unione Europea ha condannato le azioni di Mosca e le ha descritte come “un'ulteriore prova del disprezzo della Russia per le leggi e le regole internazionali”.

Venerdì a Mosca è stato pubblicato il decreto emesso giovedì dal presidente Vladimir Putin che trasferisce il controllo di tutte le azioni Ariston nelle società russe a Gazprom Home Systems, una filiale del colosso statale russo del gas Gazprom. Sono interessate la società Ariston Thermo Rus, affiliata di Ariston Holding NV, nonché l'azienda di elettrodomestici BSH, che a sua volta appartiene a BSH Hausgeräte GmbH, una joint venture fondata dalle società tedesche Bosch e Siemens e completamente trasformata dal 2015 nella proprietà di Bosch.

READ  Shopping domenicale dell'8 ottobre 2023 a Ladenburg: tutte le date e le informazioni sull'apertura domenicale di oggi in sintesi

La portavoce di Bush non vuole ancora commentare la decisione russa

Un portavoce della BSH Hausgeräte GmbH, interpellato, ha dichiarato che l'azienda è attualmente in trattativa con l'azienda di sistemi domestici Gazprom e che per il momento non vuole commentare la decisione russa. I due stabilimenti Bosch di San Pietroburgo, che producevano lavatrici e frigoriferi, sono chiusi da marzo 2022. BSH non esporta più elettrodomestici e pezzi di ricambio in Russia, ha detto un portavoce dell'azienda all'agenzia di stampa AFP.

Il Gruppo Ariston si è detto “estremamente sorpreso” da questo decreto. “Siamo in attesa di una spiegazione per questa azione inaspettata”, ha affermato la società.

Dall'inizio della guerra aggressiva della Russia contro l'Ucraina, Mosca ha sequestrato le filiali russe di varie aziende occidentali, come il colosso alimentare Danone e il produttore di birra Carlsberg. In questi casi, le autorità russe fanno riferimento al presupposto del “controllo temporaneo” e lo presentano come una risposta alle sanzioni occidentali contro le aziende russe.

Funzionari governativi occidentali e alcune aziende hanno condannato la “nazionalizzazione” delle aziende private da parte di Mosca. Con materiali dell'AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto