La realtà virtuale ti rende più forte nei videogiochi multiplayer?

Quando una persona con la realtà virtuale incontra una persona con una TV, quella che ha una TV è una persona morta. Vediamo come la realtà virtuale ci rende più forti.

Ora è provato: in alcuni generi la realtà virtuale può darti una mano e renderti più forte di altri, e diventerà più chiaro man mano che usciranno giochi multiplayer che supporteranno la modalità classica e la modalità VR come quelle recenti. Star Wars: Squadrons. Ecco alcuni esempi!

Combattimento in volo

Con l’arrivo dello squadrone di Star Wars non possiamo che iniziare da qui. Durante un combattimento tra cani, indipendentemente dal fatto che si trovi nello spazio o nel cielo del nostro pianeta, la presenza di un visore di realtà virtuale dà un chiaro vantaggio. Su un PC, l’effetto può essere riprodotto con sistemi come TrackIR, ottimo per alcune simulazioni, ma decisamente meno efficace quando stai combattendo le battaglie più adrenaliniche. Il fatto è che non c’è alternativa al poter tenere d’occhio il nemico, soprattutto quando si muove continuamente e in qualsiasi direzione, soprattutto se il controller o il mouse e la tastiera sono già occupati. in altre operazioni.

Chiudi la sparatoria

Nelle scaramucce la realtà virtuale è invece una palla a doppio senso: una è saper mirare, come nei videogiochi convenzionali, l’altra è usare il mirino esattamente come nella realtà. In questo contesto, per avere buoni risultati, l’utente deve avere anche un buon obiettivo, caratteristica che può essere parzialmente migliorata attraverso l’allenamento. Ma tutti possono trarre vantaggio dall’enorme libertà che viene fornita quando il muro della terza dimensione viene abbattuto e tengono tra le mani controller capaci di costringerci ad agire come eravamo sul campo di battaglia. La differenza sta soprattutto nella copertina, con la possibilità di chinarsi e sparare alla cieca, e nel sesto senso, che la VR garantisce, permettendo di sentire lo sguardo del nemico.

READ  Google aggiorna le icone di Gmail, Meet, Calendar, Drive e Documenti da Google Workspace

Curve e disordine

Dove la realtà virtuale è di grande beneficio, è gestire i giochi a tal punto che è davvero difficile tornare indietro. La tridimensionalità ci permette di percepire la distanza, un dettaglio che non è solo un dettaglio e cambia drasticamente lo stile di guida, il che può migliorare notevolmente i tempi e, soprattutto, evitare la maggior parte degli incidenti più stupidi. Quante volte ti sei lamentato in un combattimento completo di ciò che continua a colpirti sulla schiena? Potrebbe essere un dannato bastardo, ma non del tutto per colpa sua, ma anche per i limiti di un normale schermo televisivo. La VR aiuta molto anche in curva, permettendoti di seguire il cordolo con gli occhi anche nel realismo in prima persona.

La realtà virtuale ti rende più forte nei videogiochi multiplayer?

Risolvilo!

Anche nei giochi puzzle la VR si è già rivelata particolarmente utile, ad esempio, consentendo di creare puzzle molto più complessi di quelli pensati per un ambiente bidimensionale e con telecamera fissa. E questo vale per enigmi inseriti in altri generi, come avventure grafiche, escape room e così via, con i quali potremo interagire molto più da vicino, osservando il problema da tutte le parti, manipolando strumenti a disposizione naturalmente. , permettendoci in alcuni casi di ragionare in modo del tutto non convenzionale per trovare anche soluzioni alternative.

La realtà virtuale ti rende più forte nei videogiochi multiplayer?

Rotola ed esplora

Chi ha un minimo di esperienza con la realtà virtuale sa bene che con un auricolare in testa è meglio combattere ed esplorare, soprattutto in un contesto medievale. Anche il vecchio Skyrim guadagna pochi punti se affrontato da uno spettatore, ancora di più quando siamo chiamati ai dungeon più impegnativi. La presenza della prima persona in questi dungeon rende molto meglio navigare e aiuta a rivelare più facilmente trappole e passaggi segreti. E poi c’è la battaglia, e il sollevamento dello scudo per respingere il colpo dell’orco del diavolo, e poi il contrattacco della nostra spada sul fianco nudo del nemico – questo è qualcosa che non ha eguali. E poi vogliamo parlare dell’accuratezza degli incantesimi o dell’uso di archi e balestre? Ancora una volta, tornare indietro se hai avuto un’esperienza simile sarà molto difficile.

Asgards Wrath 12

More from Amando Gentile

Black Ops Cold War su PC utilizzerà DX12 e il frame rate sarà sbloccato – Multiplayer.it

Beenox Conversion Studio ha condiviso alcune informazioni sul rilascio PC con Call...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *