la ragazza le ha dato un calcio in faccia

L’episodio è ambientato su un autobus, dove dopo essersi rifiutati di indossare una maschera tra una ragazza e un uomo che si è trasformato in violenza, nasce una spaccatura.

infezione da coronavirus covid-19 colpisce non solo la salute delle persone ma anche le abitudini e il comportamento delle persone. Se da un lato è necessario adempiere a questi impegni per evitare un aumento del numero di contagi, dall’altro c’è chi si sente privato della propria libertà, visto che nel 2020 è difficile ottemperare.

Ad esempio use maschera a molti sembra giusto e santo, mentre ad altri è fastidioso e facoltativo. Una questione che spesso crea disagi per strada e dibattiti, che purtroppo non sono sempre pacifici.

La ragazza non indossa la maschera sull’autobus: ecco le conseguenze

Birmingham
Carattere Pixabay

UN Birmingham y Inghilterra ad esempio, dopo che una ragazza di 16 anni si è rifiutata di indossare una maschera su un autobus, è nata una lite piuttosto vivace, che in seguito ha portato alla violenza.

L’uomo la invita a indossarla, ma la giovane donna non intende “obbedire all’ordine”. Dopotutto, inizia piuttosto uno scambio animato di icone e poi accade l’impensabile. La padella in questione finge di scendereil bus e poi si scatena contro la ragazza, prendendola piede a faccia.

Un gesto che suscita una serie di reazioni da parte dell’autista e degli altri passeggeri che attaccano l’eccitato autore della violenza. Viene prima gettato a terra, quindi esegue la stessa procedura con una serie di calci in faccia.

Questo Covid (purtroppo in crescita sia in Italia che all’estero) ci ha lasciato un’altra dose di rabbia, di cui non avevamo assolutamente bisogno? Purtroppo, nelle emergenze, si rivela la vera natura umana, che in alcuni casi è segnata dall’individualismo. Il resto fa paura, costringendoti a perdere l’egoismo che dovrebbe diventare il tuo principale alleato nella lotta al virus.

READ  Nagorno-Karabakh, la guerra tra Armenia e Azerbaijan: morti e feriti

Video dell’attacco

More from Liberatore Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *